LA CHIESETTA NASCOSTA DI SAN SIRO ALLA VEPRA E LA “VILLA TRISTE”

di Ugo Rossi

Chiesa di San Siro alla Vepra, piccolo gioiello nel quartiere di San Siro

Passeggiando per le vie della città e guardandosi attorno con attenzione, si scoprono delle bellezze più o meno nascoste che rendono Milano molto affascinante. È una città che non finisce mai di stupire.  Trovandomi nel quartiere di San Siro, ho scoperto, nascosta tra le vie della zona, una chiesetta della quale pochi probabilmente conoscono l’esistenza. Sto parlando della Chiesa di San Siro alla Vepra, in via Masaccio 20. Un edificio di rara bellezza al quale si accompagna, però, una triste storia. 

chiesa di san siro alla vepra

Ma andiamo con ordine. San Siro un tempo era una chiesetta medievale sperduta nelle campagne milanesi a ovest di quello che oggi è l’Olona (un tempo Vepra ecco l’origine del nome ndr). Ne abbiamo le prime notizie attorno all’ ‘800, quando la chiesa e il territorio attorno appartenevano ai benedettini. Nel 1483 venne acquistata dalla famiglia Pecchi, che ne conservò la proprietà fino alla metà del diciannovesimo secolo.  Oggi rimane visibile solo l’abside con bellissimi affreschi e decorazioni suggestive, in quanto i vecchi proprietari decisero di unire questa chiesetta a un’abitazione. Per farlo, abbatterono la parte anteriore della struttura. 

abside chiesa di san siro alla vepra

La famigerata “Villa Triste”

Nel 1927 Temistocle Fossati costruì la villa tuttora presente. L’edificio è diventato famoso con il nome di “Villa  Triste”,  in quanto nel 1944 fu requisita da Pietro Cochk. Costui era capo della famigerata e crudele Banda Cochk, conosciuta per le torture e i trattamenti brutali e disumani contro gli oppositori politici. Si racconta che tali torture avvenissero proprio nei sotterranei della villa. Si dice che le urla di dolore dei prigionieri si sentissero bene anche nelle strade circostanti e suscitavano spesso le proteste della popolazione residente. La notizia era così diffusa che anche il Cardinale Schuster si rivolse alle autorità fasciste per far cessare gli abusi.

particolare della chiesa di san siro alla vepra

Una volta tornato in possesso della villa, dopo gli arresti di Cochk e dei componenti della banda, e venuto a sapere ciò che era accaduto li dentro, Fossati non ci volle più abitare. Cedette l’intero complesso alle Suore Missionarie dell’Immacolata che ne sono tuttora proprietarie. La chiesetta, vi garantisco, merita certamente una vista (che è gratuita ma su richiesta), mentre i sotterranei della villa ospitano ora le cucine e i ripostigli delle suore. 

villa triste a milano

A domenica prossima!

Ugo Rossihttp://www.enjoyitalygo.com
Ugo Rossi: Giornalista pubblicista mi occupo da anni di accoglienza alberghiera e comunicazione. Amo il nostro Paese che ritengo il più bello del mondo e cerco di regalare emozioni a chi lo viene a visitare. Il mio motto? Strenuo difensore dell’uso della nostra lingua, alle persone piene di sè, preferisco di gran lunga le persone piene di se. Collaboro con EnjoyItalyGo per diffondere le bellezze italiane nel mondo.

Related Stories

Discover

Un tuffo nell’entroterra della Liguria

Se l'estate è troppo affollata in spiaggia, vai a tuffarti nei laghetti della Liguria, immersi nel verde tra il fresco delle fronde.

Un’oasi verde a Milano

Cascina Cuccagna, oasi verde a Milano, spazio ideale per il relax e tante attività per grandi e bambini.

Glamping tra le giraffe

Glamping, un'esperienza immersiva tra gli animali del parco faunistico Zoom di Torino.

Il Consorzio del Collio si tinge di rosa

Direzione al femminile in Friuli Venezia Giulia per il Consorzio di Tutela Vini Collio....

E’ francese la bottiglia di vino da record battuta...

La celebre casa d'aste fiorentina Pandolfini specializzata nel settore del vino con l'ultima asta...

Between Chambave and Saint-Marcel, an all-round sporty landscape.

By Silvia Sperandio Translated by Jack Davidson Walmsley A new landscape area will enhance all the...

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here