Un’oasi verde a Milano

Cascina Cuccagna

Di Teresa Tardia

In zona quasi centrale di Milano sorge una oasi verde di tranquillità e benessere ideale per adulti e bambini. Si tratta della Cascina Cuccagna che è stata ristrutturata con vari interventi negli anni e che nel 2022 festeggia i suoi primi 10 anni di attività.

In questo percorso, lungo e faticoso, viene raccontato e festeggiato il decennale del progetto di recupero e restituzione dell’edificio alla città, i risultati raggiunti e le nuove sfide per il futuro.

Cascina Cuccagna sorge in un vicolo che fa da ponte tra la più centrale zona Porta Romana e il quartiere Calvairate, già periferia della città.

La Cascina risale al 1695 e compare con il nome di Cascina Torchio “Preganella” nella mappa manoscritta del Catasto Teresiano del 1722, quando era l’orto officinale dei Padri Fatebenefratelli, mentre il nome “Cuccagna” lo ha ereditato negli anni Venti del secolo scorso da una cascina contigua che oggi non esiste più.

Cascina Cuccagna – un’oasi verde a Milano. Foto di Teresa Tardia

Divenuta di proprietà del Demanio Comunale nel 1984, fu dichiarata inagibile e in seguito sgomberata da abitanti e attività. La volontà di recuperare la Cascina si è manifestata sin dalla fine degli anni ’90 tra gli abitanti e le associazioni del quartiere, che hanno dato un contributo fondamentale alla vittoria del bando indetto dal Comune di Milano per la concessione degli spazi della Cascina, assegnata nel 2005 all’Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna. Dopo una raccolta fondi che ha reso possibile il recupero architettonico e 7 anni di lavori di restauro, nel 2012 la Cascina Cuccagna è stata riaperta.

Cascina Cuccagna oasi verde di Milano, è stata aperta al pubblico nel 2012 grazie al lavoro di restauro conservativo sostenuto dall’Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna, che annovera un insieme di associazioni culturali e cooperative sociali il cui scopo è quello di creare cultura e aggregazione in uno spazio accessibile a tutti e costruire la città del futuro: inclusiva, sostenibile e a misura di cittadino.

Cascina Cuccagna di sera. Foto di Teresa Tardia

Al suo interno vi sono spazi di agricoltura biologica e mercato a filiera corta, iniziative solidali, sportelli di ascolto e orientamento, laboratori, lezioni, eventi, incontri e attività che contribuiscono alla crescita dello spazio in una Milano diversa.

Con aree per la cucina, bar e foresteria, la Cascina Cuccagna diventa un esempio di sperimentazione e un luogo di incontro della nostra Milano. La Cascina è uno spazio dove si celebra anche il linguaggio della musica e dello sport con  concerti e dj set dal jazz alla new wave passando per l’arpa classica, lezioni di yoga, mindfulness, canto e musica, presentazioni di libri, laboratori e spettacoli di burattini, cinema, mostre, visite guidate e biciclettata fino a Chiaravalle.

«La rigenerazione urbana praticata nel concreto: è Cascina Cuccagna, un’esperienza unica che da dieci anni rappresenta un modello di gestione partecipata di un bene comune e che ha permesso di generare più di 80 milioni di euro di PIL considerando l’intero ecosistema – dichiara Andrea Di Stefano, Presidente dell’Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna. I primi dieci anni sono stati molto sfidanti ma l’ambizione non ci manca e puntiamo a diventare un modello di sostenibilità per un bene storico e architettonico senza pari nel panorama urbano. Ci attendono ancora sfide molto importanti e avremo ancora bisogno dell’aiuto di tutti, istituzioni, cittadini, associazioni, aziende… Ma oggi vogliamo festeggiare questi primi 10 anni di un progetto che nacque dal basso e che ha dimostrato come la rigenerazione urbana crei sviluppo e comunità».

Cascina Cuccagna – un’oasi verde a Milano – Il Vivaio. Foto di Teresa Tardia

«Cascina Cuccagna è un luogo a me particolarmente caro, con il quale ho condiviso momenti belli ed importanti della mia vita – afferma Emmanuel Conte, Assessore al Bilancio e Patrimonio Immobiliare del Comune di Milano. Un luogo di incontro, dove convivono cultura, associazionismo, partecipazione. Qui nascono idee, si confrontano generazioni, rivive l’identità storica di un quartiere con lo sguardo rivolto sempre verso il futuro. Grazie all’Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna, non solo è stato recuperato un bene pubblico restituendolo alla città, ma si è dato vita ad un centro fondamentale di progetti ed iniziative che coinvolgono associazioni, imprese, cittadini. Tradizione ed innovazione si innestano, in un ambiente familiare e d’ispirazione per piccoli e grandi. Il Comune di Milano riconosce l’importanza e la necessità di riportare alla vita luoghi come questi e sta portando avanti un progetto di recupero e valorizzazione delle cascine in disuso presenti sul territorio della città, grazie alla collaborazione di realtà consolidate e vicine ai bisogni dei cittadini come l’Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna».

Il progetto registra anche l’appoggio della Fondazione Cariplo. «Fin dall’inizio la Fondazione ha dato il suo apporto al progetto, convinta che questo luogo potesse avere valenze molteplici – sostiene Elena Jachia, Direttrice Area Ambiente di Fondazione Cariplo. Se da un lato il recupero di un edificio cascinale, supportato con l’interessamento dell’area Cultura, ha una particolare importanza all’interno di una città come Milano, dall’altro questa cascina si presta a realizzare ed ospitare moltissime attività coerenti con la sua storia ma anche con i valori della sostenibilità e della solidarietà da sempre sostenuti da Fondazione Cariplo e in particolare dall’area Ambiente; perciò abbiamo proseguito la nostra collaborazione sostenendo iniziative ideate da organizzazioni del Terzo settore sui temi della riduzione dei rifiuti e degli sprechi e delle filiere agricole di prossimità, con un approccio inclusivo e non elitario. Decisamente apprezzabile anche l’impegno dei promotori per rendere la struttura più efficiente sotto il profilo energetico, sfida non facile su strutture di questo genere».

All’interno della Cascina sorge il vivaio La Mescolanza e la Libreria Brioschi, nonché spazi per vari laboratori; tuttavia è anche un posto di tranquillità dove poter passeggiare nella natura e distrarsi dal ritmo frenetico dei rumori della città. La Cascina rappresenta un insieme di valori che possono essere condivisi e spazi da poter utilizzare e visitare per una vita sostenibile e all’insegna del contatto con la natura anche in una grande città.

Teresa Tardia
Teresa Tardiahttps://www.ttardia.it/
Specializzata nell’area delle risorse umane e people management. Executive e Corporate Coach a livello individuale, business Executive e di Team. Formatrice e Consulente con lo scopo di valorizzare le persone e il proprio potenziale. Svolge attività di Mentoring sia per i Coach che a livello manageriale. Sviluppa anche assessment aziendali. Il target di riferimento è rappresentato da aziende nazionali e internazionali con una spiccata attenzione alal gestione delle persone, sviluppo dei talenti e creescita. La sua mission è quella di rafforzare e sviluppare il potenziale delle persone verso nuovo mete, obiettivi e superare ostacoli, dare u n senso alle cose con gratitudine e riconsocimento di sè e degli altri.

Related Stories

spot_img

Discover

Scoprire l’Alta Valle Brembana con “Le Erbe del Casaro”

Un'Esperienza Enogastronomica Unica Se sei alla ricerca di un'esperienza autentica che unisca natura, cultura e...

Yukimura Dojo Parabiago sugli imminenti Tatami Internazionali

Due atleti straordinari nel mondo dello sport dello Yukimura Dojo di Parabiago sfideranno i loro avversari sul palcoscenico internazionale delle gare di arti marziali. Luca Laveglia e Stefano Parmigiani, entrambi cinture nere di Nippon Kempo, porteranno l'onore dell'Italia rispettivamente in Messico e in Giappone nel corso del 2024.

Il vino come fulcro del turismo: Una prospettiva italiana

Nel pittoresco borgo di Dozza, gioiello incastonato nelle colline dell'Emilia-Romagna, si terrà un evento senza precedenti destinato a illuminare il ruolo del vino nel panorama turistico italiano. Il convegno "Il ruolo del vino come driver turistico", organizzato con cura da Enoteca Regionale Emilia-Romagna, Fondazione Dozza Città d’Arte e il Comune di Dozza, si terrà venerdì 10 maggio alle ore 17:00, nella maestosa cornice della restaurata Sala Grande della Rocca di Dozza (BO).

Viaggia in Friuli con i treni storici

Un viaggio a bordo dei treni storici nel cuore del Friuli, ecco come puoi prenotare i tuoi biglietti e altre informazioni utili.

Scopri il Friuli Venezia Giulia con il Trenino Storico

In Friuli fino al 15 dicembre, sono previsti ben 24 appuntamenti che ti condurranno alla scoperta della regione con i treni storici

In Friuli con i Treni Storici a Luglio, Agosto,...

Visita il Friuli con i treni storici con un calendario ricco di appuntamenti ed itinerari fra storia e natura per tutta l'estate 2024

Popular Categories

Comments