La pastiera napoletana: storia e origini del dolce di Pasqua

Pasqua a Napoli: un’associazione che ci proietta subito in una dimensione di festa, famiglia, cibo…tanto cibo.

È così, ai napoletani piace mangiare e festeggiare, oltre a trascorrere tanto tempo con famiglia e amici. Ogni occasione è buona per ritrovarsi attorno a un tavolo per gustare piatti in allegria.

E a Pasqua sicuramente non sono da meno.

Ogni famiglia ha le sue tradizioni, ma c’è una cosa che proprio non può mancare: la pastiera. Dal mercoledì precedente la Pasqua, mamme, nonne, zie, cugine, si ritrovano per ore e ore in cucina a prepararne per tutta la famiglia, spesso anche per amici e colleghi.

In quegli stessi giorni, girando per la città, ci si ritrova avvolti in una nuvola di profumi che fanno venire immediatamente l’acquolina in bocca.

Dai laboratori di pasticceria fuoriesce questo aroma di fiori d’arancio e di millefiori, inconfondibili profumi di primavera, utilizzati per la preparazione della pastiera, “colpevoli” di quel profumo e di quel sapore che la rende unica.

Tutto il nostro corpo reagisce agli stimoli e non possiamo fare a meno di assaggiarne almeno una fetta.

Il primo morso dà una sensazione immediata di euforia, una sorta di aspettativa di qualcosa che arriverà, associata ad un senso di rinascita e di rinnovamento.

Le nostre tradizioni, soprattutto quelle culinarie legate alle varie festività, ci accompagnano in questo movimento ritmico della ruota dell’anno, lasciandoci ricordi indelebili carichi di gioia.

La pastiera non è l’unica cosa che viene preparata in questi giorni di Pasqua, a dire il vero, ma molti hanno un legame speciale con questo dolce. E comunque, a tradizione napoletana ci regala sempre tante soddisfazioni tutto l’anno, con piatti ricchi di sapore e profumo.

la pastiera

Pastiera, storie e leggende 

Il convento di San Gregorio Armeno

La pastiera ha una storia un po’ particolare, legata alle sue origini, e non solo, e ad alcune suggestive leggende.

La sua nascita viene attribuita alle sapienti mani di una suora ospite del convento di San Gregorio Armeno nel XVI secolo.

Pare che la suora volesse preparare un dolce che fosse adatto a esprimere il simbolismo della Pasqua attraverso una serie di ingredienti che rappresentano la rinascita, la ricchezza, come le uova, la ricotta, il grano.

Le pastiere, contrariamente a quanto si crede, non erano preparate per i poveri della città, ma erano destinate come omaggio alle ricche famiglie nobili e borghesi.

La pastiera e i Borbone

La storia della pastiera è legata anche a Maria Teresa d’Austria, moglie di Ferdinando II di Borbone, nota per il suo carattere cupo e poco sorridente.

Pare che il re un giorno di Pasqua avesse insistito per farle mangiare una fetta di pastiera e che, dopo molte insistenze, la regina lo avesse accontentato.

Dopo il primo morso la sua tristezza scomparve e sul suo volto si stampò un sorriso.

Come darle torto? Ammettiamo, tutti noi sorridiamo quando assaggiamo qualcosa che ci piace.

ingredienti della pastiera napoletana

Le mogli dei pescatori

Due sono le leggende più conosciute che raccontano la nascita della pastiera.

La prima ci riporta alla Napoli dei pescatori e allo stretto rapporto della città con il suo mare.

La storia racconta che un giorno un gruppo di donne che aspettavano i propri mariti di ritorno dal mare, per ingraziarsi il loro ritorno sani e salvi, portarono sulla spiaggia una serie di doni.

Tra questi, grano, uova e ricotta.

Il mare, apprezzando il gesto, li mescolò e li restituì alla riva.

Il giorno seguente le donne andarono in spiaggia ad accogliere i pescatori e trovarono al posto dei doni un dolce, la pastiera appunto.

La sirena Partenope

Un’altra leggenda affonda nelle origini pagane della città e si ricollega alla leggenda legata alle sue origini.

Si racconta che la sirena Partenope avesse trovato rifugio nel Golfo di Napoli e che allietasse la città con il suo canto melodioso, per ringraziare dell’accoglienza.

I cittadini, ammaliati dal suo dolce canto, decisero di omaggiarla con 7 prodotti, ognuno con un simbolo differente.

  • Ricotta, simbolo di abbondanza
  • Uova, simboleggianti la rinascita e la vita
  • Zucchero, in omaggio alla dolcezza del canto della bella sirena
  • Grano, cotto nel latte, a rappresentazione dei regni animale e vegetale
  • Fiori d’arancio, simbolo dei profumi della regione
  • Spezie, come omaggio ai popoli lontani
  • Farina, simbolo di ricchezza

Furono scelte sette fra le più belle fanciulle di sette villaggi che avevano il compito di portare questi doni alla sirena.

Partenope gradì molto il dono e portò agli dei in fondo al mare i sette ingredienti, che furono mescolati e restituiti alla città sotto forma del famoso dolce.

storia della pastiera napoletana

La tradizione delle sette strisce sulla pastiera

La tradizione napoletana attribuisce un valore specifico al numero sette, che rappresenta non solo i doni per la sirena Partenope, ma anche il centro  della città stessa.

Infatti è d’obbligo posizionare sul ripieno sette strisce di pasta, tre in un verso e quattro nell’altro, in modo da formare dei rombi.

Le prime tre strisce rappresentano i Decumani della città, superiore, maggiore e inferiore, le altre quattro i Cardi, cioè i vicoli che collegano i decumani.

Angelica Perrottahttp://www.enjoyitalygo.com
Angelica Perrotta: Molto curiosa, amante degli animali ed appassionata di viaggi. Cerco di coniugare pregresse esperienze con recenti passioni: Laurea in Lingue e Letterature Straniere, lunga esperienza nel settore alberghiero ed una recente passione per il Digital Marketing. Il mio motto è “Always on the move”.

Related Stories

Discover

Arriva la seconda edizione di Venice Cocktail Week

Dopo il successo della prima edizione in dicembre 2021, Venice Cocktail Week torna a...

In Molise a Castel del Giudice c’è la Festa...

Laboratori del gusto, raccolta delle mele, visite guidate, escursioni nella natura d’autunno, street band...

Vini per l’estate. 5 idee anti caldo

Cosa bere a 40 gradi? La prima cosa a cui pensiamo è l’acqua o...

Dove si trova il ponte tibetano più lungo al...

505 metri di adrenalina pura, tanto è lungo il ponte tibetano più lungo al mondo che si trova a Dossena (BG) in Italia.

Un tuffo nell’entroterra della Liguria

Se l'estate è troppo affollata in spiaggia, vai a tuffarti nei laghetti della Liguria, immersi nel verde tra il fresco delle fronde.

Un’oasi verde a Milano

Cascina Cuccagna, oasi verde a Milano, spazio ideale per il relax e tante attività per grandi e bambini.

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here