La strega del Vesuvio: da Napoli all’universo Disney

Amelia, la strega del Vesuvio

Tutti abbiamo letto almeno una volta nella vita uno dei fumetti della Disney.

Zio Paperone è uno dei paperi più carismatici e divertenti e tutti conosciamo i personaggi che lo circondano. Tra questi spicca la figura di Amelia, la strega che ammalia. Abiti scuri, lisci capelli neri e ciglia lunghe e ammalianti, appunto.

Amelia è la strega del Vesuvio, vive nella sua casetta alle pendici del vulcano in compagnia di un simpatico famiglio, il corvo Gennarino.

È perennemente in cerca di un modo per sottrarre a zio Paperone il suo famoso Numero Uno, indiscusso portafortuna.

Questo simpatico personaggio, creato dalla Disney nel 1961 per opera del disegnatore Carl Barks, trae spunto da un personaggio di una famosa leggenda che ebbe origine nell’area vesuviana intorno alla metà dell’Ottocento.

Amelia la strega che ammalia

La vera strega del Vesuvio

Nel 1858 ci fu una copiosa eruzione del Vesuvio, un fenomeno tanto violento da colmare di lava un profondo burrone denominato fosso grande alla base del vulcano.

La lava si solidificò e si raffreddò e, a quel punto, fu possibile avventurarsi sulle pendici del Vesuvio.

Poco tempo dopo il termine dell’eruzione cominciò a verificarsi nella zona un inquietante fenomeno.

Durante la notte si sentivano delle lunghe, strazianti, agghiaccianti urla. 

Nessuno riusciva a capire da dove arrivassero, si percepiva soltanto che fossero urla di donna.

Gli abitanti della zona, stanchi di non poter dormire la notte e preoccupati per quanto potesse accadere alle loro famiglie, cominciarono a perlustrare la zona in cerca del luogo dove presupponevano si trovasse questa donna che urlava.

Non furono in grado di individuarla e ogni notte lo strazio continuò a ripetersi.

la strega del Vesuvio

A un certo punto decisero di rivolgersi a una fattucchiera della zona, la strega del Vesuvio, nota come a’ vecchia e’ Mattavona.

La donna viveva sulle pendici del Vesuvio e ascoltò con attenzione il racconto degli abitanti che si erano rivolti a lei in cerca di aiuto.

Alla fine decise di intervenire e si fece accompagnare nel punto dove le urla sembravano più forti.

Giunta sul posto, iniziò a recitare incantesimi e formule arcaiche, del tutto incomprensibili ai presenti.

Da quel giorno le urla sparirono e non si seppe mai da dove avessero avuto origine.

Gli abitanti non se ne preoccuparono, per loro l’importante era aver recuperato il sonno.

La vecchia strega del Vesuvio riprese tranquilla la sua vita e nessuno la disturbò più.

Angelica Perrottahttp://www.enjoyitalygo.com
Angelica Perrotta: Molto curiosa, amante degli animali ed appassionata di viaggi. Cerco di coniugare pregresse esperienze con recenti passioni: Laurea in Lingue e Letterature Straniere, lunga esperienza nel settore alberghiero ed una recente passione per il Digital Marketing. Il mio motto è “Always on the move”.

Related Stories

Discover

Glamping tra le giraffe

Glamping, un'esperienza immersiva tra gli animali del parco faunistico Zoom di Torino.

Il Consorzio del Collio si tinge di rosa

Direzione al femminile in Friuli Venezia Giulia per il Consorzio di Tutela Vini Collio....

E’ francese la bottiglia di vino da record battuta...

La celebre casa d'aste fiorentina Pandolfini specializzata nel settore del vino con l'ultima asta...

Between Chambave and Saint-Marcel, an all-round sporty landscape.

By Silvia Sperandio Translated by Jack Davidson Walmsley A new landscape area will enhance all the...

Triora e il borgo delle streghe

La Liguria nel suo entroterra ospita da oltre 500 anni il borgo delle streghe, Triora.

La pastiera napoletana: storia e origini del dolce di...

Pasqua a Napoli: un’associazione che ci proietta subito in una dimensione di festa, famiglia,...

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here