Le donne del Duomo di Milano

Curiosità miti e leggende della Lombardia

Di Ugo Rossi

Costruire una Cattedrale non è un’impresa facile. Se poi parliamo del Duomo di Milano allora il pensiero corre indietro ed evoca momenti e situazioni che nemmeno sono immaginabili. Oggi vi racconto la storia di due donne, molto diverse tra loro ma che destano certamente tanta curiosità.

La prima storia è quella di Caterina di Abbiateguazzone, vecchietta poverissima, offrì il suo lavoro pulendo e trasportando le pietre del cantiere. Un giorno decise di donare per la costruzione della Cattedrale della sua Milano, l’unica pelliccia che possedeva. Quando i canonici se ne resero conto furono presi dalla commozione e le diedero il corrispettivo in denaro con gli interessi e così lei finalmente riuscì a esaudire un suo sogno: un pellegrinaggio a Roma che desiderava da tanti anni.

La Cattedrale del Duomo di Milano un cantiere sempre aperto da quando fu costruita e gestito nei secoli dalla Veneranda Fabbrica del Duomo. Foto di EnjoyItalyGo scattata prima del COVID19

Tutt’altra attività quella che riguarda la seconda protagonista della storia odierna. Parlo di Marta de Codevachi, detta la “Donona” secondo una leggenda, di professione prostituta. Arrivata a Milano dal Veneto, divenne molto ricca dispensando ore liete agli uomini del posto tanto che, grazie alla sua attività, acquistò in città diversi immobili che le permisero di vivere nell’agio e senza problemi economici.

Ma ad un certo punto successe qualcosa che la portò a dedicarsi totalmente ai poveri diventando una benefattrice e adottando Venturina, una bimba abbandonata nella ruota degli esposti, dove a quei tempi venivano lasciati gli infanti che le famiglie o le mamme non avevano la possibilità di crescere e accudire.

La Madonnina di Milano in una riproduzione esposta durante EXPO Milano 2015

Nei primi mesi del 1394 la –Donona– si ammalò e subito il suo pensiero fu per la Madonna e per il Duomo che, in suo onore, veniva eretto in città. Chiamò allora un notaio e redisse un testamento dove destinò tuti i suoi beni alla costruzione della chiesa ma a condizione che gli officiali si prendessero cura di Venturina e trovassero marito alla sua -compagna di bordello- Margherita, alla quale lasciava una dote immane per iniziare una nuova vita fatta di castità e onestà. Poco dopo Marta morì e furono organizzati funerali degni di una persona importante, con grande presenza di chierici e presbiteri che la scortarono lungo le vie della città affollata di gente.

La Donona appare raffigurata sul Duomo di Milano, ma dove esattamente?
Ora vi lancio una sfida…

Quando passate per Milano avvicinatevi al Duomo e guardate le varie statue. Tra queste cercate bene e troverete proprio lei: il peduccio che raffigura Marta de Codevachi. Fateci sapere quando l’avrete individuata e mandateci una foto o un video che la ritraggano, così le farò pubblicare sulle nostre pagine social. Mandate una mail a redazione@enjoyitalygo.com

Ugo Rossi _ EnjoyItalyGo
Ugo Rossi

Giornalista pubblicista mi occupo da anni di accoglienza alberghiera e comunicazione. Amo il nostro Paese che ritengo il più bello del mondo e cerco di regalare emozioni a chi lo viene a visitare. Il mio motto? Strenuo difensore dell’uso della nostra lingua alle persone piene di sè, preferisco di gran lunga le persone piene di se. 

Lo Spazio Teatro No’Hma, per garantire la fruizione degli spettacoli si trasferisce online
A Milano da Novembre al 31 Dicembre 2020 non si paga nè l’AreaC nè parcheggi causa COVID19

Marianna Vazzana, giornalista trentaseienne, collaboratrice de -Il Giorno-scrivere citazioni, poesie o semplici parole sulle foglie autunnali che cadono a Milano.

Ugo Rossihttp://www.enjoyitalygo.com
Ugo Rossi: Giornalista pubblicista mi occupo da anni di accoglienza alberghiera e comunicazione. Amo il nostro Paese che ritengo il più bello del mondo e cerco di regalare emozioni a chi lo viene a visitare. Il mio motto? Strenuo difensore dell’uso della nostra lingua, alle persone piene di sè, preferisco di gran lunga le persone piene di se. Collaboro con EnjoyItalyGo per diffondere le bellezze italiane nel mondo.

Related Stories

Discover

Glamping tra le giraffe

Glamping, un'esperienza immersiva tra gli animali del parco faunistico Zoom di Torino.

Il Consorzio del Collio si tinge di rosa

Direzione al femminile in Friuli Venezia Giulia per il Consorzio di Tutela Vini Collio....

E’ francese la bottiglia di vino da record battuta...

La celebre casa d'aste fiorentina Pandolfini specializzata nel settore del vino con l'ultima asta...

Between Chambave and Saint-Marcel, an all-round sporty landscape.

By Silvia Sperandio Translated by Jack Davidson Walmsley A new landscape area will enhance all the...

Triora e il borgo delle streghe

La Liguria nel suo entroterra ospita da oltre 500 anni il borgo delle streghe, Triora.

La pastiera napoletana: storia e origini del dolce di...

Pasqua a Napoli: un’associazione che ci proietta subito in una dimensione di festa, famiglia,...

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here