LE VEDOVELLE MILANESI

DOVE TROVARLE E PERCHE’ SI CHIAMANO COSI’.

Di Ugo Rossi

Anche Milano ha le sue fontanelle pubbliche. Realizzate in ghisa se ne contano attualmente in funzione in tutto il territorio comunale ben 565. Sono state disegnate nel 1931, hanno un colore verde ramarro e una delle caratteristiche principali è che sono prive di rubinetto. Per questo motivo molti pensano che l’acqua venga sprecata ma in realtà non è così. La quantità d’acqua erogata dalle fontanelle, infatti, è molto piccola rispetto alla distribuzione dell’acquedotto milanese e il flusso continuo delle vedovelle non è utile solo per dissetarsi, ma permette altresì di mantenere l’acqua sempre in movimento, preservandone la freschezza e la buona qualità. Dobbiamo poi pensare che l’eventuale interruzione del flusso determinerebbe la stagnazione dell’acqua stessa contribuendo alla nascita e allo sviluppo di flora batterica attorno alla struttura fatta a bocca di drago, dalla quale sgorga l’acqua.

Un’altra curiosità interessante è data dal fatto che l’acqua in uscita non viene dispersa ma, attraverso i canali fognari raggiunge la rete di depuratori di Milano per essere impiegata nei consorzi agricoli per l’irrigazione dei campi.

Le vedovelle conosciute anche come draghi verdi, sono le fontanelle disseminate sul territorio di Milano ad ogni angolo della città.

Ma qual’ è stata la prima fontanella di Milano e, soprattutto, a cosa si deve il nome Vedovelle? Andiamo con ordine. La leggenda narra che la prima sia quella istallata in piazza della Scala verso la fine degli anni Venti del ‘900 ma esistono testimonianze fotografiche che ne evidenziano l’esistenza già alla fine dell’800. La caratteristica di queste strutture è la loro conformazione: una torretta a base quadrata marchiata con lo stemma del comune di Milano, sormontata da un pignone.  Alla base sono munite di una bacinella a semicerchio che aveva lo scopo di far bere gli animali e di un pilastrino dal quale spunta una testa di drago. Sono alte circa un metro e mezzo e larghe cinquanta centimetri.

Vengono chiamate così perché l’incessante filo d’acqua che scende, sembra il pianto costante di una vedova ma sono conosciute anche con il nome di “drago verde”, dato dalla forma della bocchetta fatta a proprio come la testa di quest’ animale

Curiosa è la storia di quelle poste all’ interno del parco di City Life dove le specie scolpite non rappresentano il classico drago verde ma altri animali e sono frutto della rielaborazione artistica di Serena Vestrucci.

La sapete un’altra cosa? Se abitate o vivete nel territorio comunale e siete singoli cittadini o associazioni potete fare richiesta di installazione di una fontanella al Consiglio di Municipio che la inoltrerà agli uffici comunali preposti i quali dopo gli opportuni accertamenti, provvederanno alla messa in posa gratuitamente.

Mandateci le vostre foto e i video con la zona nella quale individuate una vedovella. Li pubblicheremo sulle nostre pagine social. A domenica prossima.

18 temerarie squadre si sfidano a colpi di cartone e pagaia sul Lago Maggiore a Luino.
In bici attraverso la città, fino al cortile di casa, al parcheggio o parco adiacente e nel rispetto dei DPCM in corso, vengono proposti non solo copioni comici e grotteschi ma anche grandi classici. 
Ugo Rossihttp://www.enjoyitalygo.com
Ugo Rossi: Giornalista pubblicista mi occupo da anni di accoglienza alberghiera e comunicazione. Amo il nostro Paese che ritengo il più bello del mondo e cerco di regalare emozioni a chi lo viene a visitare. Il mio motto? Strenuo difensore dell’uso della nostra lingua, alle persone piene di sè, preferisco di gran lunga le persone piene di se. Collaboro con EnjoyItalyGo per diffondere le bellezze italiane nel mondo.

Related Stories

Discover

Glamping tra le giraffe

Glamping, un'esperienza immersiva tra gli animali del parco faunistico Zoom di Torino.

Il Consorzio del Collio si tinge di rosa

Direzione al femminile in Friuli Venezia Giulia per il Consorzio di Tutela Vini Collio....

E’ francese la bottiglia di vino da record battuta...

La celebre casa d'aste fiorentina Pandolfini specializzata nel settore del vino con l'ultima asta...

Between Chambave and Saint-Marcel, an all-round sporty landscape.

By Silvia Sperandio Translated by Jack Davidson Walmsley A new landscape area will enhance all the...

Triora e il borgo delle streghe

La Liguria nel suo entroterra ospita da oltre 500 anni il borgo delle streghe, Triora.

La pastiera napoletana: storia e origini del dolce di...

Pasqua a Napoli: un’associazione che ci proietta subito in una dimensione di festa, famiglia,...

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here