QUAL E’ IL NUMERO CHE COLLEGA PADOVA E MILANO NEI TRASPORTI?

Storie curiose di binari

Di Ugo Rossi

I numeri hanno sempre affascinato le persone che nella quotidianità se li ritrovano praticamente ovunque, ci hai mai fatto caso? Viaggiando, ho fatto una scoperta curiosa che collega in qualche modo il Veneto alla Lombardia e la curiosità si posa proprio sul numero…

Stazione ferroviaria di Padova – “Foto concesse dal Gruppo FFSS Italiane ad uso stampa”

Le mie origini bellunesi mi portano (non troppo spesso per la verità) a viaggiare, per salire tra i miei monti dove, fortunatamente, ho ancora due arzilli genitori, una sorella, un cognato e due splendidi nipoti oltre a una marea di parenti che fatico a volte a salutare tutti. Scegliendo come mezzo di trasporto il treno, la stazione di cambio è Padova dove dopo attese anche superiori alle due ore, parte la “tradotta” che raggiunge le montagne bellunesi. In questi momenti di attesa la mia curiosità si è focalizzata su una cosa originale.

Stazione ferroviaria di Padova – “Foto concesse dal Gruppo FFSS Italiane ad uso stampa”

La stazione di Padova, infatti, ha 9 binari ma, dopo l’1, il 2 e il 3 troviamo la banchina numero 5. Ho cercato ovunque il 4 ma senza successo. Curiosamente anche Milano ha una mancanza di questo tipo. Le linee della metro, infatti, sono la 1, la 2, la 3 e la 5. Manca appunto la 4 anche se a breve è prevista l’inaugurazione del primo tratto della linea blu.

Ma quali sono i motivi della mancanza di questo numero?

Andiamo con ordine. Nel 2015, ci comunica la Direzione Centrale Comunicazione Esterna Territoriale di Ferrovie dello Stato, in occasione dei periodici aggiornamenti del piano regolatore generale della stazione di Padova, si è deciso di mantenere in opera solo l’infrastruttura strettamente legata ai servizi di stazione. Si è così provveduto a eliminare il quarto binario, in quanto non più funzionale al modello di esercizio, in particolare per l’assenza del marciapiede necessario a garantire il servizio viaggiatori. Di fatto veniva utilizzato esclusivamente per sporadiche manovre. Si è poi preferito mantenere la numerazione esistente perché la modifica avrebbe richiesto la pesante rivisitazione di una consistente mole di elaborati documentali, oltre che l’upgrade dei sistemi informativi e la modifica dei cartelli indicatori.

Più complessa è la storia della latitanza del numero 4 di Milano che manca attualmente nelle linee della metropolitana, abbiamo infatti la linea 1, la 2, la 3 e la 5….. ma la 4 si è persa?

Immagine ad uso stampa, della Linea M4 di Milano concessa dal sito metro4milano a EnjoyItalyGo
Un po’ di numeri….

Ho condotto qualche ricerca e il mistero è presto svelato. Il caro numero 4 è stato vittima di contrattempi e di fatto arriverà anche se in ritardo sulla tabella di marcia. Le mie ricerche mi hanno portato così alle vicissitudini della M4 meneghina.- Benché l’istruttoria del progetto della linea metropolitana 4 fosse stata completata già nel 2005, nel novembre 2010 la giunta del comune di Milano ha approvato lo stanziamento di 400 milioni di euro da parte del comune, su un importo complessivo di 1.699 milioni. La quota restante era  carico dello Stato per 786 milioni e di privati per 513 milioni e l’appalto è stato assegnato all’inizio del 2011.

Prosegue poi così: – Nei piani iniziali si prevedeva la consegna di tutta la linea da San Cristoforo FS a Linate Aeroporto per il 2015, ma un ricorso causò gravi ritardi . Anche la realizzazione delle prime tre fermate fu ritardata da un braccio di ferro tra le imprese di costruzione e il Comune per delle cifre che discordavano tra offerta e domanda. A fine dicembre 2014 la giunta di Milano escluse definitivamente ogni ipotesi di apertura nel 2015 delle prime fermate della M4, mentre il 20 luglio 2019 il primo convoglio della m4 ha percorso un tratto di galleria presso l’Aeroporto di Linate e in seguito, sono state fatte delle corse prova tra Linate e Forlanini FS.

Ora l’inaugurazione della prima tratta della linea metropolitana n°4 di Milano, sembra prevista per la primavera 2021, lasciando quindi Padova da sola in questa strana coincidenza numerica.

Ugo Rossi: Giornalista pubblicista mi occupo da anni di accoglienza alberghiera e comunicazione. Amo il nostro Paese che ritengo il più bello del mondo e cerco di regalare emozioni a chi lo viene a visitare. Il mio motto? Strenuo difensore dell’uso della nostra lingua, alle persone piene di sè, preferisco di gran lunga le persone piene di se. Collaboro con EnjoyItalyGo per diffondere le bellezze italiane nel mondo.

Una ricettina semplice che unisce prodotti della cucina tra Veneto e Lombardia
A Pieve di Cadore Babbo Natale ha la sua casetta dove riceve letterine e bimbi.
Redazione EnjoyItalyGohttp://www.enjoyitalygo.com
Viaggiamo in Italia alla scoperta di luoghi meravigliosi da proporti per farti vivere un'esperienza unica ed indimenticabile. Noi della redazione di EnjoyItalyGo siamo prima di tutto un gruppo di amici che condivide la passione per il turismo e lo vede da prospettive differenti. Ciascuno di noi vive il turismo quotidianamente lavorandoci dentro! Silvia, Ugo e Jack operano nell'Hospitality a stretto contatto sia con i manger dell'ospitalità che con gli Ospiti dell'albergo; Ambra è un Hotel Manager; Elena è un vulcano di idee in costante eruzione e ha un punto di vista mooolto curioso ed autentico, mentre Olga è arrivata in Italia da turista e qui è rimasta avendo trovato l'amore. Andrea è appassionato di storia e di sport Abbiamo unito idee e talenti per metterli a vostra disposizione. Parlarti dell'Italia per noi è passione, emozione, è farti fare un'esperienza. Il Bel Paese è ricco di tutto questo, nella sua storia, all'interno di una ricetta o di un bicchiere di vino, dentro un museo. Passeggiando tra le vie di borghi e città oppure fra sentieri immersi nella natura, scoprirai con noi angoli insoliti ed affascinanti. resta solo da preparare la valigia e partire! Buona lettura La Redazione di EnjoyItalygo

Related Stories

Discover

Glamping tra le giraffe

Glamping, un'esperienza immersiva tra gli animali del parco faunistico Zoom di Torino.

Il Consorzio del Collio si tinge di rosa

Direzione al femminile in Friuli Venezia Giulia per il Consorzio di Tutela Vini Collio....

E’ francese la bottiglia di vino da record battuta...

La celebre casa d'aste fiorentina Pandolfini specializzata nel settore del vino con l'ultima asta...

Between Chambave and Saint-Marcel, an all-round sporty landscape.

By Silvia Sperandio Translated by Jack Davidson Walmsley A new landscape area will enhance all the...

Triora e il borgo delle streghe

La Liguria nel suo entroterra ospita da oltre 500 anni il borgo delle streghe, Triora.

La pastiera napoletana: storia e origini del dolce di...

Pasqua a Napoli: un’associazione che ci proietta subito in una dimensione di festa, famiglia,...

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here