Caterina de’Medici: la regina nera della besciamella e del profumo

La donna di Firenze che governò la Francia

Pochi giorni fa nasceva a Firenze nel 1519 Caterina De’ Medici divenuta regina consorte di Francia, poi reggente e poi regina madre di tre re. Un record sicuramente ma solo una delle tante curiosità della vita di questa donna che nella storiografia francese è stata a lungo osteggiata con l’aurea malefica di “regina nera” per la sua passione per gli oroscopi.
Caterina non è stata, e in alcuni casi non lo è ancora, particolarmente amata in Francia. Non lo è soprattutto per la sua italianità. Quell’accento mai perfetto anche se si era trasferita oltralpe a soli 13 anni, quell’essersi circondata a corte di fiorentini come lei non è mai andata giù ai francesi che l’hanno per secoli accusata di essere arrampicatrice, avida e malefica.
Per molti era l’impersonificazione del Principe narrato da Machiavelli e per altri fu una manipolatrice artefice addirittura del decesso del cognato che doveva salire al trono ma che in realtà morì avvelenato spalancando le porte al trono di Francia al suo amato Enrico.

Caterina de' Medici: aneddoti e curiosità sulla regina di Francia che veniva da Firenze.
Caterina de’ Medici

Ma andando oltre la storia, peraltro complessa della Francia dei tempi di Caterina, sono altri gli aspetti anche curiosi di cui vogliamo narrarvi perché la giovane fiorentina portò con se in Francia tante novità.
Appassionata di esoterismo e astrologia e molto superstiziosa introdusse a corte il fiorentino Cosimo Ruggeri che predisse la fine della dinastia dei Valois e il celebre Nostradamus. Era dipendente dagli oroscopi e non faceva niente senza essersi prima consultata con maghi e stregoni.

Innovazioni alla corte del re

Donna colta e grande divoratrice di libri (nella sua biblioteca personale ne aveva oltre 2000) non era di una bellezza straordinaria e neanche in perfetta forma fisica ma a lei si deve la moderna cosmesi e l’arte profumiera, la cucina francese e l’uso della forchetta (fino ad allora sconosciuta) e delle mutande..

Caterina de’ Medici: La regina in cucina

La “regina nera” non fu affatto una Lucrezia Borgia alla corte di Francia ma una sovrana illuminata portatrice di innovazioni e se anche ai francesi potranno apparire sacrileghe le affermazioni che seguiranno se ne facciano una ragione perché fu la regina fiorentina a creare la moderna cucina francese.
Caterina buona forchetta ed amante dei cibi afrodisiaci distinse le portate da salate a dolci, introdusse la salsa colla che Oltralpe prese il nome di besciamella e la zuppa di cipolle che divenne la soupe d’onion ma non solo.
Il Rinascimento aveva lasciato nella sua città natale anche altre curiose recenti invenzioni culinarie e prima fra tutte in cucina spopolava l’invenzione del pollivendolo Ruggeri, cuoco per hobby che aveva vinto un concorso sulla ricetta più curiosa con il suo dolce ghiacciato che anche durante il banchetto di nozze di Caterina conquistò i nobili d’oltralpe.
Ruggeri seguì la giovane regina a corte ma il successo, l’invidia e in un caso anche un aggressione di chi voleva in tutti i modi conoscere la sua ricetta lo costrinsero al ritiro con fuga a Firenze non senza aver lasciato prima nelle mani della regina insieme alle sue “dimissioni” la ricetta segreta di quel gelato che poi, un altro fiorentino molto più famoso di lui Bernardo Buontalenti, perfezionò e rese popolare.

Caterina de' Medici donna colta, non era di una bellezza straordinaria e neanche in perfetta forma fisica ma a lei si deve la moderna cosmesi e l'arte profumiera, la cucina francese e l'uso della forchetta e ... delle mutande..
Caterina de’ Medici introdusse in Francia l’arte profumiera e la cosmesi.
Caterina de’Medici e l’arte profumiera

Infine come non parlare dell’arte profumiera che Caterina introdusse alla corte di Francia col suo fido profumiere di fiducia Renato Bianco e i frati di Santa Maria Novella. René le Florentin (come venne più tardi chiamato dai parigini il profumiere di Caterina) si mise al lavoro contribuendo alla nascita di tanti novelli profumieri che aprirono botteghe in tutta Parigi per soddisfare le richieste di una società che si scoprì bramosa di essenze profumate.
Il profumo divenne ben presto anche per i francesi (per gli italiani lo era da tempo) uno status di prestigio ed elevazione che ebbe un tale successo che vide in breve anche la moltiplicazione dei profumieri che tolsero per secoli il primato agli italiani.
Un effimero record dato che, anche se ai francesi proprio non va giù, sia la loro famigerata cucina che l’arte profumiera sono figlie di un’italiana, anzi di una fiorentina.

Il pane è da sempre presente nelle tavole italiane ma solo in Toscana e in Umbria si assaggia il pane sciapo, senza sale, che ben si presta a essere trasformato in squisite bruschette.
Nadia Fondelli
Nadia Fondellihttp://www.enjoyitalygo.com
Nadia Fondelli: Giornalista e viaggiatrice per passione e volontariato in Italia e nel mondo. Fondatrice del primo magazine turistico trilingue italiano ha contribuito al lancio dell’agriturismo e dell’enoturismo toscano. Specializzata in viaggio, turismo, cultura, enogastronomia e sport è autrice di quattro libri e autrice in una raccolta di racconti dedicati a Firenze. Pioniera nel mondo del giornalismo on line ha collaborato con importanti cantanti italiani e per format televisivi su piattaforma Sky. E’ membro dell’Associazione nazionale Donne del Vino di Anag (Assaggiatori Grappa ed Acquaviti) e di Aset (Associazione Stampa Enogastronomica Toscana). Collabora con EnjoyItalyGo da Aprile 2021. Tessera ordine dei giornalisti: n. 111444

Related Stories

spot_img

Discover

TRE MESI DI TOUR, ESPERIENZE E LABORATORI NELLE TERRE...

Tre mesi di tour guidati, esperienze autentiche e laboratori aperti a tutte le età per scoprire gli undici comuni, autentici borghi ricchi di arte, in Lombardia e più precisamente nell’Altobrembo in provincia di Bergamo. Inoltre una ghiotta occasione per assaggiare la cucina tipica locale.

 Un Borgo di… Vino in Lombardia

Scopri tutto ciò che la Lombardia ha da offrire e lasciati incantare dalla magia di "Un Borgo di... Vino". Un'occasione imperdibile per immergersi nei sapori e nelle tradizioni di una delle regioni più affascinanti d'Italia.

Notte Celeste: Grande Affluenza nelle Terme dell’Emilia Romagna

Boom di presenze alla Notte Celeste organizzata dalle terme dell'Emilia-Romagna che hanno offerto un weekend di concerti, cene, feste, passeggiate e terme aperte fino a tarda sera.

Tramonto DiVino a Modigliana

Tramonto DiVino, l’evento che celebra i vini e i prodotti tipici dell’Emilia Romagna con un tour che dura tutta l'estate 2024. La tappa di Modigliana è solo l’inizio di un tour che, da 19 anni, unisce i vini regionali ai cibi a qualità certificata (Dop e Igp). Dopo Modigliana, Tramonto DiVino farà tappa a Milano Marittima con il Craft Gin Summer Fest – Novebolle Lounge il 19 luglio, a Riccione il 26 luglio, e a Cesenatico il 2 agosto. Il tour continuerà poi in Emilia, con tappe a Scandiano il 6 settembre, Ferrara l'11 settembre e Piacenza il 14 settembre.

Horti Aperti: Il Festival del Verde a Pavia

Preparati per la terza edizione di Horti Aperti! Il festival del verde torna a Pavia il 21 e 22 settembre 2024. Due giorni imperdibili dedicati alla biodiversità, sostenibilità e alla bellezza dei giardini. Conferenze, workshop e una mostra mercato con i migliori vivaisti italiani

Orti Botanici della Lombardia: Un Rifugio di Biodiversità nel...

Scopri gli eventi di giugno negli Orti Botanici della Lombardia e l'importanza della biodiversità urbana. Partecipando alla Festa del Solstizio d’Estate, potrai esplorare la natura in città e imparare di più sulla conservazione delle piante.

Popular Categories

Comments