Il Cimitero Monumentale del Vajont

Museo a cielo aperto

Si trova in provincia di Belluno, in Veneto il Museo a cielo aperto, Il Cimitero Monumentale del Vajont, che accoglie la memoria del tragico evento occorso la notte del 9 Ottobre 1963.

1910 sono le vite spezzate di Longarone, di Erto e Casso, degli altri abitati del Vajont che furono teatro della catastrofe e che riposano nel grande parco a prato verde del Cimitero Monumentale del Vajont.

Il Cimitero Monumentale del Vajont – dove si trova

Il cimitero delle vittime del Vajont fu dichiarato monumento nazionale nel 2003. Per poterlo visitare si deve andare in località San Martino di Fortogna, frazione del comune di Longarone in provincia di Belluno. Il visitatore viene accolto all’entrata da un portale che mostra alcuni reperti storici e un percorso fotografico relativo alla realizzazione del cimitero stesso oltre ad alcune opere ispirate alla tragedia.

Il Cimitero Monumentale del Vajont – le vittime

Il cimitero del Vajont è stato modificato nel tempo prima di essere riconosciuto e di mostrarsi come l’attuale cimitero monumentale. Inizialmente infatti, subito dopo la catastrofe, la stessa area era stata individuata come l’unica che poteva accogliere i corpi delle vittime per il riconoscimento e all’inizio ogni tomba aveva la sua croce con incisi il nome e le date per riconoscere la salma, tuttavia molte croci rimasero anonime. La volontà della comunità locale che era stata così drasticamente e pesantemente colpita dalla tragedia, era di poter ricordare tutti i morti di quella notte allo stesso modo. Delle 1910 vittime, 30 erano bambini ancora in grembo materno e 487 l’età dei giovani sotto i 15 anni. Iniziarono di conseguenza i lavori di ristrutturazione e trasformazione.

Il Cimitero Monumentale del Vajont – dopo la ristrutturazione

L’attuale cimitero monumentale del Vajont, venne innaugurato il 19 giugno 2004 e si presenta come un ampio giardino immerso nel verde, sul quale sono stati disposti in maniera ordinata i 1910 cippi marmorei bianchi, uno per ogni vittima della tragedia, a prescindere dal ritrovamento, dal riconoscimento o dal luogo di sepoltura. In questo modo la comunità locale ha creato eguaglianza per tutte le vittime di una stessa tragedia, la strage del Vajont, e le ricorda tutte allo stesso modo.

Cimitero monumentale del Vajont dopo la ristrutturazione

Il nuovo Cimitero Monumentale del Vajont è inoltre impreziosito da un trittico scultoreo in marmo bianco di Carrara dello scultore bellunese Fiabane, inaugurato il 19 giugno 2005. Una prima statua ricorda gli Emigranti longaronesi, rientrati in patria alla notizia della tragedia; sono rappresentati da un uomo, con la valigia ancora tra le gambe, che sorregge con mani forti e provate dalla fatica del lavoro la donna esanime, che ha vissuto sulla propria pelle la tragedia. Una seconda opera ricorda poi i soccorritori: simbolo del grande legame che unisce ancor oggi i superstiti con quanti hanno dato loro sostegno in quel difficile momento. L’ultima scultura è dedicata ai 31 bambini mai nati: le mamme innalzano idealmente i loro piccoli verso il cielo, verso quella luce che non hanno potuto vedere prima.

All’esterno del portale una stele di vetro accoglie i visitatori con una frase di monito, tradotta in 12 lingue: “Prima il fragore dell’onda, poi il silenzio della morte, mai l’oblio della memoria“.

Il Cimitero Monumentale del Vajont – patrimonio storico italiano

Nei primi anni duemila nacquero delle associazioni mirate alla tutela e valorizzazione dei cimiteri monumentali. Un protocollo d’intesa del 2016 sottoscritto dal sottosegretario ai Beni Culturali Antimo Cesaro e il vicepresidente di Utilitalia Mauro d’Ascenzi definisce i cimiteri monumentali parte del patrimonio storico italiano.

Silvia Sperandio
Silvia Sperandiohttp://www.enjoyitalygo.com
Professionista dell'Hospitality e Tourism Solution Developer, lavora nel turismo da sempre valorizzando il territorio locale. E' stata Food & Beverage Manager alla Hilton Garden Inn, Front Office Manager e Concierge Les Clefs d'Or . Formatore certificato Cepas/ Bureau Veritas al nr 289 del Registro dei Corsi Qualificati. Dal 2017 organizza corsi di formazione professionale per varie realtà fra le quali: A.L.P.A. e U.I.P.A. Les Clefs d'Or; Formazione continua; Formazione finanziata e aziende. EnjoyItalyGo è il suo progetto editoriale, di cui è fondatrice ed editore, attraverso il quale desidera far conoscere l’Italia nel mondo. E' innamorata dell’Italia e insieme ai talentuosi autori di EIG e ai molti professionisti con cui collabora, desidera portare la cultura del Bel Paese nel mondo.

Related Stories

spot_img

Discover

TRE MESI DI TOUR, ESPERIENZE E LABORATORI NELLE TERRE...

Tre mesi di tour guidati, esperienze autentiche e laboratori aperti a tutte le età per scoprire gli undici comuni, autentici borghi ricchi di arte, in Lombardia e più precisamente nell’Altobrembo in provincia di Bergamo. Inoltre una ghiotta occasione per assaggiare la cucina tipica locale.

 Un Borgo di… Vino in Lombardia

Scopri tutto ciò che la Lombardia ha da offrire e lasciati incantare dalla magia di "Un Borgo di... Vino". Un'occasione imperdibile per immergersi nei sapori e nelle tradizioni di una delle regioni più affascinanti d'Italia.

Notte Celeste: Grande Affluenza nelle Terme dell’Emilia Romagna

Boom di presenze alla Notte Celeste organizzata dalle terme dell'Emilia-Romagna che hanno offerto un weekend di concerti, cene, feste, passeggiate e terme aperte fino a tarda sera.

Tramonto DiVino a Modigliana

Tramonto DiVino, l’evento che celebra i vini e i prodotti tipici dell’Emilia Romagna con un tour che dura tutta l'estate 2024. La tappa di Modigliana è solo l’inizio di un tour che, da 19 anni, unisce i vini regionali ai cibi a qualità certificata (Dop e Igp). Dopo Modigliana, Tramonto DiVino farà tappa a Milano Marittima con il Craft Gin Summer Fest – Novebolle Lounge il 19 luglio, a Riccione il 26 luglio, e a Cesenatico il 2 agosto. Il tour continuerà poi in Emilia, con tappe a Scandiano il 6 settembre, Ferrara l'11 settembre e Piacenza il 14 settembre.

Horti Aperti: Il Festival del Verde a Pavia

Preparati per la terza edizione di Horti Aperti! Il festival del verde torna a Pavia il 21 e 22 settembre 2024. Due giorni imperdibili dedicati alla biodiversità, sostenibilità e alla bellezza dei giardini. Conferenze, workshop e una mostra mercato con i migliori vivaisti italiani

Orti Botanici della Lombardia: Un Rifugio di Biodiversità nel...

Scopri gli eventi di giugno negli Orti Botanici della Lombardia e l'importanza della biodiversità urbana. Partecipando alla Festa del Solstizio d’Estate, potrai esplorare la natura in città e imparare di più sulla conservazione delle piante.

Popular Categories

Comments