Escursioni sui sentieri delle leggende dolomitiche

Itinerario verso una croda e un lago per incontrare il drago

Di Silvia Sperandio

I draghi ti affascinano e hai sempre sognato di vederne uno? Ottimo, questo itinerario basato sulle leggende dei Salvani ti porta a fare trekking in Veneto, sulle Dolomiti ampezzane. Una piacevole escursione verso una delle mete più classiche delle di Cortina, il Lago Fedèra alla Croda da Lago.

La Croda da Lago con le sue tipiche torri, vista all’interno di una originale cornice di roccia, da una galleria delle postazioni militari della Grande Guerra. Foto SuiSentierideiSalvàns®
La Croda da Lago con le sue tipiche torri, vista all’interno di una originale cornice di roccia, da una galleria delle postazioni militari della Grande Guerra. Foto SuiSentierideiSalvàns®

Ti ricordi?- Mi dice Monica Dandrea, Dottoressa forestale e prima guida naturalistica di Cortina con la quale collaboro da molto tempo alla stesura degli articoli che raccontano gli itinerari naturalistici nella conca ampezzana. – Abbiamo incontrato Donna Dindia e Zan de Rame nel precedente itinerario. Secondo il racconto del mio collega Dottore Forestale Dino Dibona, ai piedi della porta del dio Silvano questa coppia di personaggi aveva costruito un villaggio, allevato bestiame di superba razza, condiviso la foresta con i Salvàns e vissuto felicemente per molto tempo in un ambiente ricco e florido.

“Nella sua «Guida insolita ai misteri, ai segreti, alle leggende e alle curiosità delle Dolomiti» anche per Dino non poteva mancare un riferimento certo alle foreste e, dunque, risulta che questi personaggi leggendari provenissero dal bosco di Lamarìda.” Monica Dandrea, Dottoressa forestale e prima guida naturalistica di Cortina

È un bosco che gli Ampezzani collocano presso la Croda da Lago- continua Monica – dalla zona di Formìn fino ai territori sud-occidentali della conca.

Nel ladino ampezzano croda significa montagna e unito a da Lago questo toponimo indica la montagna del lago. Monica mi spiega che proprio questo monte e il suo lago costituiscono il luogo nella leggenda di Donna Dindia, che Karl Felix Wolff riferisce nell’ultimo capitolo del suo libro «I Monti Pallidi». Wolff, con una nota a piè di pagina di questa leggenda, precisa che un anziano ampezzano, il sig. Alessandro Lacedelli, nel 1906, gli indicò il bosco che si estende dal Lago di Pianòzes verso Formìn e fino alle falde del Pelmo, assicurandogli che i vecchi ampezzani chiamavano Ramarìda questa estesa foresta.

La Croda da Lago nel momento magico dell’«enrosadira», il tramonto sulle Dolomiti

Guida al trekking con Monica Dandrea

Monica informa che partire dal Lago Pianòzes per risalire tutto il bosco, camminando lungo la comoda strada forestale, ci farebbe affrontare il dislivello di circa 1000 metri. Preferiamo allora portarci sulla strada del Passo Giau, privilegiando un accesso molto più “morbido”, a partire dal Ponte de Ru Curto, che consiste in soli 350 metri di dislivello complessivi in salita.

La foresta non ci deluderà, un bosco temperato di conifere, tipico di queste zone e di queste quote, all’interno del quale potremo divertirci a distinguere le varie specie di alberi che lo edificano: l’abete rosso, il larice ed il pino cembro o cirmolo“. Monica Dandrea, Dottore Forestale e prima guida naturalistica di Cortina

Il tratto più ripido ed impegnativo richiede una buona preparazione atletica nella nostra camminata, tuttavia la fatica è ampiamente ricompensata nel momento in cui approdiamo al lago di Federa.

. Il Lago Fedèra in primavera, con il Becco di Mezzodì in lontananza e residue chiazze di neve che vanno a tuffarsi nell’acqua

Monica prosegue il suo racconto naturalistico fornendo alcune informazioni e ci spiega che lo specchio d’acqua che abbiamo davanti a noi è il lago Fedèra, tipico lago naturale alpino di alta quota, formatosi ad una altitudine di oltre 2000 metri, in una posizione molto suggestiva, sul fondo di una depressione al limitare del bosco, protetto dalla Croda da Lago e accompagnato nella tipica vista panoramica, da tutti conosciuta, dalla caratteristica sagoma del Becco di Mezzodì.

Anche da lontano, le guglie della Croda da Lago sono inconfondibili… Qui la Croda da Lago si lascia ammirare in coppia con il Becco di Mezzodì, due montagne simbolo nel settore sud-occidentale della conca ampezzana

Sulla sponda del lago Fedèra, lo storico rifugio Palmieri, accoglie i turisti per per pranzo. Inaugurato nel 1901 dalla guida alpina Giovanni Barbarìa, nel 1906 fu venduto alla Sezione di Reichenberg del Club Alpino Austro-Tedesco, dal quale fu gestito fino al primo dopoguerra, per ritornare nel 1920 in proprietà alla Sezione del CAI Cortina d’Ampezzo che lo ha fatto conoscere con l’odierna denominazione.


Un tritone si muove furtivo in un tratto di basse acque: sarà un discendente del drago che dimora nel castello presso la Croda da Lago?

Ti ho promesso in questa escursione una croda, un lago e un drago- prosegue Monica Dandrea– Dunque, dopo aver ammirato la Croda da Lago ed il suo specchio d’acqua, è il momento del drago!

È la stessa protagonista della leggenda, Donna Dindia, a narrare la sua storia. Le sue vicende si intrecciano con quelle di una graziosa giovane bionda, ultima discendente di una potente stirpe che abitava un castello.

Passeggeremo lungo il lago e, non appena saziata la nostra curiosità sul drago della Croda da Lago, potremo fare ritorno al punto di partenza.

La passeggiata in montagna in questo itinerario è meravigliosa, ma se la stanchezza si fa sentire, tieni presente che in estate è possibile usufruire di un comodo servizio di jeep navetta a pagamento che, all’incirca dal Lago Pianòzes, conduce fino all’ingresso del Rif. Palmieri.

INFO UTILI

Per il trekking con guida in presenza (periodo pre e post covid)

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è Foto_MonicaDandrea-1024x759.jpg
Nella foto: Monica Dandrea 1° guida naturalistica di Cortina D’Ampezzo ideatrice delle scoperta delle Dolomiti bellunesi attraverso le leggende Sui Sentieri dei Salvàns®. Collabora con Silvia Sperandio alla stesura di 8 articoli pubblicati sul magazine on-line EnjoyItalyGo.com, dove scopri il territorio in un avvincente trekking tra boschi e pascoli durante il quale incontri personaggi fantastici delle fairy dolomitiche.
  • Tempo: Intera giornata (5-6 ore).
  • Difficoltà:Itinerario che prevede 350 metri di dislivello in salita ed altrettanti in discesa, su sentiero ben segnato e mantenuto, con alcuni tratti su radici e sassi, richiede una discreta preparazione escursionistica. Notevoli scorci panoramici sulle montagne della conca ampezzana.
  • Per Chi?: Questo tour è adatto a te che viaggi con il cane se è ben educato e già abituato ad andare a spasso al guinzaglio per una bella passeggiata. Nel Parco Naturale delle Dolomiti d’Ampezzo i cani vanno condotti al guinzaglio. Ti consiglio di contattare Monica per avere maggiori informazioni in merito.  Se ami il turismo slow e ti piace fermarti perché ti attrae un dettaglio e sei curioso di scoprire cos’è, questo è il tour giusto per te.
  • Se invece cerchi una gita da fare con i bambini dai 6 anni ecco fatto! è una bella passeggiata sia per i grandi che per i bambini. Tutti rimangono affascinati dai racconti delle leggende Sui Sentieri dei Salvàns®.
  • Per gruppi, di adulti o di famiglie con bambini (dai 6 anni) purché la composizione del gruppo di richiedenti sia omogenea.
  • Rete stradale e mezzi pubblici: Cortina D’Ampezzo è ben servita da strade, autostrade. Il luogo d’incontro è raggiungibile da mezzi pubblici, tuttavia le corse, limitate alla stagione turistica estiva, non sono frequenti. Possibilità di parcheggio nelle immediate vicinanze dell’attacco del sentiero, lungo la strada e in alcuni piazzali a bordo strada.
  • Dove mangiare?:possibilità sicuramente di pranzo al sacco oppure presso il rifugio alpino in periodi di apertura stagionali: Rifugio Croda da Lago.
  • Dove dormire?: In loco ci sono molte strutture ricettive fra hotel, bed & breakfast, appartamenti in affitto, ecc.
  • Guida turistica Contatti: Monica Dandrea Dott.ssa Forestale, guida naturalistica e maestra di sci alpino Cortina d’Ampezzo – Dolomitisuisentierideisalvans.it monica@suisentierideisalvans.it
Redazione EnjoyItalyGo
Redazione EnjoyItalyGohttp://www.enjoyitalygo.com
Viaggiamo in Italia alla scoperta di luoghi meravigliosi da proporti per farti vivere un'esperienza unica ed indimenticabile. Noi della redazione di EnjoyItalyGo siamo prima di tutto un gruppo di amici che condivide la passione per il turismo e lo vede da prospettive differenti. Ciascuno di noi vive il turismo quotidianamente lavorandoci dentro! Silvia, Ugo e Jack operano nell'Hospitality a stretto contatto sia con i manger dell'ospitalità che con gli Ospiti dell'albergo; Ambra è un Hotel Manager; Elena è un vulcano di idee in costante eruzione e ha un punto di vista mooolto curioso ed autentico, mentre Olga è arrivata in Italia da turista e qui è rimasta avendo trovato l'amore. Andrea è appassionato di storia e di sport Abbiamo unito idee e talenti per metterli a vostra disposizione. Parlarti dell'Italia per noi è passione, emozione, è farti fare un'esperienza. Il Bel Paese è ricco di tutto questo, nella sua storia, all'interno di una ricetta o di un bicchiere di vino, dentro un museo. Passeggiando tra le vie di borghi e città oppure fra sentieri immersi nella natura, scoprirai con noi angoli insoliti ed affascinanti. resta solo da preparare la valigia e partire! Buona lettura La Redazione di EnjoyItalygo

Related Stories

spot_img

Discover

AUSMERZEN a Teatro

Al Teatro della Cooperativa a Milano, va in scena in prima nazionale “Ausmerzen – Vite indegne di essere vissute” di Marco Paolini.

Milan Fashion Week

E' iniziata a Milano, la città della moda e del business in Lombardia, la Milan Fashion Week, la settimana della moda più attesa dell'anno.

CORTINA CHARITY CHALLENGE

Cortina, il 16 e 17 febbraio ospiterà la prima edizione di Cortina Charity Challenge, una due giorni sulla neve, organizzata dall’Associazione Friends for Others, con l’obiettivo di raccogliere fondi per la Fondazione Theodora che, dal 1995, si occupa di portare momenti di gioco, ascolto ed evasione ai bambini ricoverati in ospedale.

Coppa Italia Nippon Kempo

16 Marzo competizione per Coppa Italia 2024 di Ju-Jitzu metodo Nippon Kempo divisa in categorie.

La fragola della Basilicata

La fragola della Basilicata è un’eccellenza ortofrutticola italiana che grazie alla sua grandezza, al suo intenso colore rosso, alla dolcezza e alla sua carnosa polpa ben si presta ad essere gustata da sola o usata come ingrediente per la preparazione di leccornie.

LOMBARDIA ACCESSIBILE E INCLUSIVA

Il progetto a Brescia per il turismo inclusivo TremosinesulGarda4All Lanciata la raccolta fondi a...

Popular Categories

Comments