Il forechecking e l’uscita di zona nell’hockey

Il forechecking nell’hockey

di Andrea Scheurer

Quanto sono importanti il forechecking e l’uscita di zona nell’hockey? Scopritelo!

Che cos’è il forechecking? Il forechecking è un sistema o una strategia di gioco messa in atto da una squadra col fine di entrare in possesso del puck (disco). I giocatori della squadra senza disco presseranno il portatore del disco avversario con l’obiettivo di rubare il puck o rallentare il gioco avversario.

Ci sono vari tipi di forechecking caratterizzati dalla zona in cui viene fatto il pressing: il forechecking in zona d’attacco e quello in zona neutra. L’allenatore deciderà di volta in volta, in base alla sua filosofia di gioco, al risultato o alle caratteristiche dei giocatori sul ghiaccio, che tipo di forechecking adottare.

Il forechecking e l'uscita di zona nell'hockey
Il forechecking e l’uscita di zona nell’hockey

Il forechecking può essere più aggressivo o conservativo. Il pressing aggressivo viene adottato se la squadra è in svantaggio di uno o più goal e cerca di recuperare il risultato, prendendosi così dei rischi maggiori. Lo stile conservativo invece si adotta quando una squadra sta vincendo e vuole essere sicura di non dare chance agli avversari di diventare pericolosi.

Ad esempio: una squadra che sta vincendo con più goal di scarto adotterà un pressing aggressivo? Certamente no! Giocherà invece con un pressing conservativo finalizzato a bloccare le azioni di attacco avversarie.

Una squadra che sta perdendo con un goal di scarto a 5 minuti dalla fine giocherà con un pressing conservativo? No! cercherà di recuperare la rete usando un forechecking più aggressivo.

Il forechecking e l'uscita di zona nell'hockey
Il forechecking: gli attaccanti in maglia blu pressano il difensore rosso che sta per impossessarsi del disco.

Il forechecking, come già accennato, si basa su schemi ben precisi. Ci sono tante varianti di forechecking: a seconda dello schema ogni giocatore avrà un ruolo ed un movimento ben preciso da compiere.

Cambiano gli schemi ma l’obiettivo non cambia: conquistare il disco!

L’uscita di zona

Nell’hockey l’uscita di zona è quella manovra di gioco con cui una squadra riparte e cerca di uscire dal proprio terzo difensivo. Conquistato il possesso del puck, il terzino col disco si posizionerà dietro la propria porta e aspetterà che i propri compagni compiano i movimenti dell’uscita di zona.

L’altro terzino starà davanti alla porta a protezione del portiere. Il centro, farà un movimento a U: prima andrà verso il proprio portiere e poi, seguendo l’ala che ha ricevuto il disco partirà in contrattacco. Anche le ali compiranno lo stesso movimento ad U del centro. Gireranno attorno al cerchio di ingaggio e attaccheranno la porta avversaria.

Il forechecking e l'uscita di zona nell'hockey
L’uscita di zona: la freccia nera indica il movimento che ogni giocatore deve fare. La linea azzurra è il passaggio del disco. I puntini arancioni rappresentano la posizione iniziale di partenza di alcuni giocatori

Il terzino col disco, a seconda del forechecking avversario e del movimento dei compagni deciderà da che parte passare il disco. L’ala che riceve il disco condurrà l’uscita di zona e avrà il compito di sfondare nel terzo d’attacco.

Un’uscita di zona veloce dal proprio terzo di difesa può portare in pochi secondi ad un azione pericolosa e magari a segnare un goal. La squadra che esce dal proprio terzo dovrà però fare attenzione al pressing avversario: perché se perde il disco gli avversari potrebbero approfittarne.

Andrea Scheurer collabora con EnjoyItalyGo
Andrea Scheurer

Svizzero e italiano. Laureato in Storia Medievale. Da sempre amante dei castelli, percorro le strade della mia amata città, e non solo quelle, provandole ad immaginare nei secoli passati. Grande appassionato e tifoso di sport, in particolare dell’hockey su ghiaccio. Gioco da anni in una squadra amatoriale. Linkedin

Redazione EnjoyItalyGohttp://www.enjoyitalygo.com
Viaggiamo in Italia alla scoperta di luoghi meravigliosi da proporti per farti vivere un'esperienza unica ed indimenticabile. Noi della redazione di EnjoyItalyGo siamo prima di tutto un gruppo di amici che condivide la passione per il turismo e lo vede da prospettive differenti. Ciascuno di noi vive il turismo quotidianamente lavorandoci dentro! Silvia, Ugo e Jack operano nell'Hospitality a stretto contatto sia con i manger dell'ospitalità che con gli Ospiti dell'albergo; Ambra è un Hotel Manager; Elena è un vulcano di idee in costante eruzione e ha un punto di vista mooolto curioso ed autentico, mentre Olga è arrivata in Italia da turista e qui è rimasta avendo trovato l'amore. Andrea è appassionato di storia e di sport Abbiamo unito idee e talenti per metterli a vostra disposizione. Parlarti dell'Italia per noi è passione, emozione, è farti fare un'esperienza. Il Bel Paese è ricco di tutto questo, nella sua storia, all'interno di una ricetta o di un bicchiere di vino, dentro un museo. Passeggiando tra le vie di borghi e città oppure fra sentieri immersi nella natura, scoprirai con noi angoli insoliti ed affascinanti. resta solo da preparare la valigia e partire! Buona lettura La Redazione di EnjoyItalygo

Related Stories

Discover

Glamping tra le giraffe

Glamping, un'esperienza immersiva tra gli animali del parco faunistico Zoom di Torino.

Il Consorzio del Collio si tinge di rosa

Direzione al femminile in Friuli Venezia Giulia per il Consorzio di Tutela Vini Collio....

E’ francese la bottiglia di vino da record battuta...

La celebre casa d'aste fiorentina Pandolfini specializzata nel settore del vino con l'ultima asta...

Between Chambave and Saint-Marcel, an all-round sporty landscape.

By Silvia Sperandio Translated by Jack Davidson Walmsley A new landscape area will enhance all the...

Triora e il borgo delle streghe

La Liguria nel suo entroterra ospita da oltre 500 anni il borgo delle streghe, Triora.

La pastiera napoletana: storia e origini del dolce di...

Pasqua a Napoli: un’associazione che ci proietta subito in una dimensione di festa, famiglia,...

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here