Para Ice Hockey: la Nazionale Italiana a Milano, il commento del Team Manager

Il raduno della Nazionale Italiana a Milano

di Andrea Scheurer

La Nazionale Italiana di Para Ice Hockey si è radunata a Milano dal 16 al 18 per preparare i Mondiali Gruppo A di Para Ice Hockey, in programma dal 19 al 26 giugno a Ostrava (Repubblica Ceca).

Il campionato di Para Ice Hockey, terminato da poco, è stato vinto dalle South Tyrol Eagles, che hanno così conquistato il tredicesimo titolo.

Para Ice Hockey: la Nazionale Italiana a Milano, il commento del Team Manager
Para Ice Hockey: la Nazionale Italiana a Milano, il commento del Team Manager

Abbiamo raggiunto telefonicamente il Team Manager della Nazionale Mirko Bianchi per un commento

Il commento del Team Manager Mirko Bianchi

Com’è andato il raduno?

Il raduno è andato bene, avevamo la squadra praticamente al completo. È stato molto positivo. Siamo riusciti a lavorare su un bel po’ di particolari. Stiamo ricominciando a lavorare su aspetti tattici, in preparazione di alcune amichevoli in programma.

Speriamo di farle a breve: stiamo cercando di giocare delle amichevoli contro Repubblica Ceca e Germania. Col Covid, quest’anno, è molto complicato. Sarebbe molto importante per noi giocarle. Le amichevoli dovrebbero essere a maggio, una a metà del mese, e l’altra, l’ultima settimana.

Il Blue Team

La nazionale è composta in prevalenza dai giocatori che militano nei South Tyrol Eagles. Ci sono poi un portiere e due giocatori di movimento che giocano nei Tori Seduti di Torino. Infine un altro portiere e altri 5 giocatori dell’Armata Brancaleone di Varese.

Para Ice Hockey: la Nazionale Italiana a Milano, il commento del Team Manager
Para Ice Hockey: la Nazionale Italiana a Milano, il commento del Team Manager

Qual è l’obiettivo della nazionale ai mondiali di Ostrava?

Il mondiale è molto importante perché inizia a dare i primi posti per le paraolimpiadi di Pechino 2022. Il nostro obiettivo è di arrivare tra i primi 5 e cercare di ottenere la qualificazione diretta. I primi 5 si qualificano direttamente. L’ultimo classificato retrocede nel gruppo B.

Gli ultimi 3 del mondiale del gruppo A e i primi 3 del gruppo B faranno un torneo di qualificazione, da giocarsi a fine ottobre o ad inizio novembre, che darà diritto agli ultimi 2 posti. La Cina è qualificata, essendo il paese ospite.

È sempre meglio evitare altri tornei di qualificazione…

È un percorso difficile: l’Italia è partita dal 2006 a Torino come nazione ospite. Sempre è riuscita a qualificarsi a tutte le paraolimpiadi: a volte passando dal torneo di qualificazione, altre volte qualificandosi direttamente. È un anno particolare per tutti, non solo per noi, in quanto sono quasi due anni che non si giocano competizioni a livello internazionale.

L’anno scorso gli europei in programma sono saltati, ora si giocherà a fine giugno, quindi è passato tanto tempo dalle ultime partite internazionali giocate. Nemmeno c’è stata la possibilità di poter fare amichevoli e confrontarsi con le altre squadre. Sarà un mondiale particolare e noi dovremmo cercare di farci trovare pronti.

L’avversario più temuto?

Stati Uniti e Canada sono di un altro livello. Con la Corea ci siamo giocati, a Pyeongchang, il 3o e 4o posto perdendo 1 a 0, a 3 minuti dalla fine. La Repubblica Ceca è un altro avversario tosto: due anni fa all’ultimo mondiale aveva ottenuto ottimi risultati, soprattutto perché aveva tanto pubblico. Abbiamo giocato in un palazzetto con 10000 persone quando giocava la Repubblica Ceca.

Norvegesi e Cechi sono i nostri avversari diretti, ma non dobbiamo sottovalutare gli Slovacchi che arrivano dal gruppo B. Da quest’anno si ripropone la Russia, che è un livello poco inferiore di Usa e Canada. Penso che il quarto e quinto posto ce lo possiamo giocare noi, Norvegia, Repubblica Ceca e Corea.

A quali schemi avete lavorato?

Stiamo cercando di lavorare meglio sul Break Out e sui supporti di Break Out. Cercare di spazzare via meno dischi ed essere più vicini per avere supporti più interessanti per poter uscire. Il nostro è uno sport un po’ particolare rispetto all’hockey su ghiaccio: se ci si ferma è difficile ripartire, se il disco finisce in balaustra gli uno contro uno sono più complicati da gestire.

Bisogna cercare di avere maggior fluidità, fermarsi il meno possibile e fare passaggi più precisi. Ci stiamo lavorando. E poi stiamo lavorando sul Power Play e sul Penalty Killing, e sugli Special Team.

Una curiosità: vedendo alcune partite del campionato ho notato che ci sono molti Icing…

Purtroppo il campionato italiano sembra quasi un altro sport rispetto alla nazionale. Dovuto ovviamente ad un numero basso di giocatori e quindi non si ha un determinato ritmo. La nazionale è tutt’altro.

Noi siamo un piccolo miracolo: pur avendo 3 squadre in tutta Italia, e 40 giocatori tesserati, riusciamo a competere nel gruppo A contro squadre composte da professionisti.

Il gruppo della nazionale è un gruppo forte, che ha avuto tanti cambiamenti negli anni, dovuti al età etc…, e ora si sta evolvendo. Il fatto però che dal 2006 si è sempre cresciuti, e siamo arrivati a giocarci una medaglia olimpica alle ultime paraolimpiadi di Pyeongchang, è comunque una nota di merito per tutti i ragazzi.

Sicuramente è diverso vedere una partita della nazionale rispetto ad una di campionato. Gli Icing ci sono, è vero, perché a volte si provano lanci lunghi, però stiamo cercando di lavorare su altri aspetti. Il problema è che tutte le cose vanno testate in partita e speriamo di riuscire a fare qualche amichevole. Sarebbe di fondamentale importanza.

L'Armata Brancaleone conquista la finale
Andrea Scheurer collabora con EnjoyItalyGo
Andrea Scheurer

Svizzero e italiano. Laureato in Storia Medievale. Da sempre amante dei castelli, percorro le strade della mia amata città, e non solo quelle, provandole ad immaginare nei secoli passati. Grande appassionato e tifoso di sport, in particolare dell’hockey su ghiaccio. Gioco da anni in una squadra amatoriale. Linkedin

Related Stories

spot_img

Discover

TRE MESI DI TOUR, ESPERIENZE E LABORATORI NELLE TERRE...

Tre mesi di tour guidati, esperienze autentiche e laboratori aperti a tutte le età per scoprire gli undici comuni, autentici borghi ricchi di arte, in Lombardia e più precisamente nell’Altobrembo in provincia di Bergamo. Inoltre una ghiotta occasione per assaggiare la cucina tipica locale.

 Un Borgo di… Vino in Lombardia

Scopri tutto ciò che la Lombardia ha da offrire e lasciati incantare dalla magia di "Un Borgo di... Vino". Un'occasione imperdibile per immergersi nei sapori e nelle tradizioni di una delle regioni più affascinanti d'Italia.

Notte Celeste: Grande Affluenza nelle Terme dell’Emilia Romagna

Boom di presenze alla Notte Celeste organizzata dalle terme dell'Emilia-Romagna che hanno offerto un weekend di concerti, cene, feste, passeggiate e terme aperte fino a tarda sera.

Tramonto DiVino a Modigliana

Tramonto DiVino, l’evento che celebra i vini e i prodotti tipici dell’Emilia Romagna con un tour che dura tutta l'estate 2024. La tappa di Modigliana è solo l’inizio di un tour che, da 19 anni, unisce i vini regionali ai cibi a qualità certificata (Dop e Igp). Dopo Modigliana, Tramonto DiVino farà tappa a Milano Marittima con il Craft Gin Summer Fest – Novebolle Lounge il 19 luglio, a Riccione il 26 luglio, e a Cesenatico il 2 agosto. Il tour continuerà poi in Emilia, con tappe a Scandiano il 6 settembre, Ferrara l'11 settembre e Piacenza il 14 settembre.

Horti Aperti: Il Festival del Verde a Pavia

Preparati per la terza edizione di Horti Aperti! Il festival del verde torna a Pavia il 21 e 22 settembre 2024. Due giorni imperdibili dedicati alla biodiversità, sostenibilità e alla bellezza dei giardini. Conferenze, workshop e una mostra mercato con i migliori vivaisti italiani

Orti Botanici della Lombardia: Un Rifugio di Biodiversità nel...

Scopri gli eventi di giugno negli Orti Botanici della Lombardia e l'importanza della biodiversità urbana. Partecipando alla Festa del Solstizio d’Estate, potrai esplorare la natura in città e imparare di più sulla conservazione delle piante.

Popular Categories

Comments