Complesso monumentale di San Francesco a Norcia

Tesei “procede la ricostruzione, anche immateriale”

Norcia è sempre stata una tappa immancabile per chi visita l’Umbria e Il complesso monumentale San Francesco di Norcia, polivalente, costituito dalla ex chiesa e dall’ex convento di San Francesco merita una visita. Il complesso è stato testimone dell’attività dei francescani sul territorio nursino diventando in seguito sede della biblioteca, dell’archivio storico comunale, dell’auditorium e di una sala convegni, costituendo il polo culturale della città ospitando numerose iniziative di carattere culturale, didattico oltre che turistico. Ma il disastroso terremoto del 2016 ha profondamente cambiato i beni sia materiali che immateriali del territorio norcino.

L’ex Chiesa di San Francesco ospitata nel complesso monumentale San Francesco di Norcia, fu edificata intorno al 1385 dai francescani fu in gran parte distrutta e ricostruita dopo il terremoto del 1859, ad oggi rimane uno degli edifici in stile gotico più rappresentativi in Umbria.  Al suo interno vi era custodita la pala d’altare raffigurante l’Incoronazione della Vergine, realizzata per la chiesa conventuale osservante della Santissima Annunziata tra il 1539 e il 1541 da Giacomo Santoro, noto anche come Jacopo Siculo.

La pala fu oggetto di restauro grazie a fondi Art Bonus e fu salvata dai vigili del fuoco dopo il crollo del tetto della chiesa in seguito al sisma del 30 Ottobre 2016.

I segni lasciati dal sisma sono purtroppo ancora oggi tangibili ma a Perugia, oggi, sono stati affidati dall’Ufficio speciale ricostruzione Umbria i servizi di progettazione per l’intervento di miglioramento sismico e restauro del complesso monumentale San Francesco di Norcia.

  “Questo ennesimo affidamento dei lavori da parte del nostro Usr è un ulteriore passo avanti verso la ricostruzione materiale e immateriale nell’area colpita dal sisma – ha detto la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei. Il complesso monumentale San Francesco a Norcia, infatti, non solo ha un grande valore artistico, ma porta con sé, per le varie funzioni che ha svolto come centro culturale cittadino, anche un forte valore sociale”.

   Considerata l’importanza storico-artistica del complesso monumentale, l’intervento di ricostruzione e restauro sarà attuato nel rispetto di quanto indicato nelle “Indicazioni operative per gli interventi di restauro e ricostruzione degli edifici di interesse culturale integrate da specifiche indicazioni per gli edifici di culto” e “La sicurezza sismica degli edifici di interesse culturale” di cui al Decreto del Commissario Straordinario sisma 2016 n.456 del 13 ottobre 2022.

Dirigente responsabile del procedimento di gara è l’arch. Filippo Battoni – Dirigente dell’USR Umbria mentre Responsabile Unico del Procedimento è l’arch. Monica Finotto del Servizio Ricostruzione Pubblica dell’USR Umbria. 

Siamo certi che l’incanto del complesso monumentale San Francesco di Norcia in Umbria tornerà presto a splendere e potrà nuovamente essere ammirato anche dai turisti

Silvia Sperandio
Silvia Sperandiohttp://www.enjoyitalygo.com
Professionista dell'Hospitality e Tourism Solution Developer, lavora nel turismo da sempre valorizzando il territorio locale. E' stata Food & Beverage Manager alla Hilton Garden Inn, Front Office Manager e Concierge Les Clefs d'Or . Formatore certificato Cepas/ Bureau Veritas al nr 289 del Registro dei Corsi Qualificati. Dal 2017 organizza corsi di formazione professionale per varie realtà fra le quali: A.L.P.A. e U.I.P.A. Les Clefs d'Or; Formazione continua; Formazione finanziata e aziende. EnjoyItalyGo è il suo progetto editoriale, di cui è fondatrice ed editore, attraverso il quale desidera far conoscere l’Italia nel mondo. E' innamorata dell’Italia e insieme ai talentuosi autori di EIG e ai molti professionisti con cui collabora, desidera portare la cultura del Bel Paese nel mondo.

Related Stories

spot_img

Discover

TRE MESI DI TOUR, ESPERIENZE E LABORATORI NELLE TERRE...

Tre mesi di tour guidati, esperienze autentiche e laboratori aperti a tutte le età per scoprire gli undici comuni, autentici borghi ricchi di arte, in Lombardia e più precisamente nell’Altobrembo in provincia di Bergamo. Inoltre una ghiotta occasione per assaggiare la cucina tipica locale.

 Un Borgo di… Vino in Lombardia

Scopri tutto ciò che la Lombardia ha da offrire e lasciati incantare dalla magia di "Un Borgo di... Vino". Un'occasione imperdibile per immergersi nei sapori e nelle tradizioni di una delle regioni più affascinanti d'Italia.

Notte Celeste: Grande Affluenza nelle Terme dell’Emilia Romagna

Boom di presenze alla Notte Celeste organizzata dalle terme dell'Emilia-Romagna che hanno offerto un weekend di concerti, cene, feste, passeggiate e terme aperte fino a tarda sera.

Tramonto DiVino a Modigliana

Tramonto DiVino, l’evento che celebra i vini e i prodotti tipici dell’Emilia Romagna con un tour che dura tutta l'estate 2024. La tappa di Modigliana è solo l’inizio di un tour che, da 19 anni, unisce i vini regionali ai cibi a qualità certificata (Dop e Igp). Dopo Modigliana, Tramonto DiVino farà tappa a Milano Marittima con il Craft Gin Summer Fest – Novebolle Lounge il 19 luglio, a Riccione il 26 luglio, e a Cesenatico il 2 agosto. Il tour continuerà poi in Emilia, con tappe a Scandiano il 6 settembre, Ferrara l'11 settembre e Piacenza il 14 settembre.

Horti Aperti: Il Festival del Verde a Pavia

Preparati per la terza edizione di Horti Aperti! Il festival del verde torna a Pavia il 21 e 22 settembre 2024. Due giorni imperdibili dedicati alla biodiversità, sostenibilità e alla bellezza dei giardini. Conferenze, workshop e una mostra mercato con i migliori vivaisti italiani

Orti Botanici della Lombardia: Un Rifugio di Biodiversità nel...

Scopri gli eventi di giugno negli Orti Botanici della Lombardia e l'importanza della biodiversità urbana. Partecipando alla Festa del Solstizio d’Estate, potrai esplorare la natura in città e imparare di più sulla conservazione delle piante.

Popular Categories

Comments