Umbria – esplosione di colori a Castelluccio

13 Mila auto a vedere i campi di lenticchie colorati di rosso, giallo e blu

In Umbria, da metà Giugno a metà Luglio i campi delle lenticchie più famose d’Italia richiamano turisti da tutto il Paese per mostrar loro uno spettacolo meraviglioso: l’esplosione di colori dei fiori che trasformano la piana di Castelluccio di Norcia in un quadro naturale coloratissimo.

Umbria, Castelluccio di Norcia. La coloratissima fioritura nei campi di lenticchie.
Foto di EnjoyItalyGo Silvia Sperandio.

Già all’alba arrivano le prime auto a garantirsi il posto in prima fila e poche ore dopo, alle 9.00 la coda è lunga ed ininterminabile. Siamo a Castelluccio di Norcia in Umbria nella splendida cornice dei Monti Sibillini a circa 1300mt di altezza.

La bontà delle delicatissime lenticchie di Castelluccio la conosciamo tutti e si potrebbe venire a fare una gita fin quassù anche solo per assaporare una deliziosa zuppa di legumi o una ricetta a base di lenticchie appunto, ma lo spettacolo della piana e dei sui bellissimi campi coltivati che si tingono de rosso dei papaveri, oro e bianco della camomilla e blu dei fiordalisi, è da togliere il respiro immersi nel silenzio e nella natura. Potrei quasi dirvi che è un momento di pura meditazione.

Umbria, Castelluccio di Norcia. La fioritura di papaveri, camomilla, margherite e fiordalisi colora la piana.
Foto di EnjoyItalyGo Silvia Sperandio.

I bambini possono correre liberamente nei campi dove è stato mietuto il fieno, arrivare fino al ranch dei cavalli e poi andare con mamma e papà a fare un giretto sui sentieri lunghi e facili che salgono la montagna e da lì ammirare come Madre Natura, con la sua magia, colora le piantagioni del legume, al sorgere del sole.

Se a mezzogiorno brontola il pancino, andate verso l’antico borgo medioevale di Castelluccio che con le sue scritte satiriche e burlesche appese ai muri irradia allegria  e fermatevi all’inizio del paesino, lì troverete delle basse e moderne costruzioni che ospitano le attività commerciali locali. Purtroppo a distanza di anni sono ancora visibili i segni del terremoto che in Umbria, ha distrutto case e botteghe, ma la gente del posto ha una gran vitalità e desidera accogliere il turista al meglio ed in piena sicurezza. Troverete punti di ristoro dove assaggiare le tipiche zuppe umbre, un tripudio di sapori dati da verdure e legumi locali; il delizioso formaggio di pecora con varie stagionature e preparato nella valle vicina, speciale perché rilascia al palato i sapori delle erbe spontanee dei Monti Sibillini e vi assicuro che anche solo con pane e formaggio potreste fare un pasto. Sul menù sono ovviamente presenti anche altri piatti della tradizione e il buon vino. Dall’altra parte della piana, sulla strada che porta a Norcia trovate gli immancabili porchettari per un succulento panino con la porchetta da mangiare sul prato lì vicino.

Umbria, Castelluccio di Norcia. Fiordalisi nei campi di lenticchie. Sullo sfondo la cappella donata dagli alpini alla comunità locale.
Foto di EnjoyItalyGo Silvia Sperandio.

Consigli di viaggio:

La piana di Castelluccio di Norcia è bellissima quando fiorita e richiama migliaia di persone, proprio per questo il week end è il più movimentato e affollato.

Vi consigliamo di andare anche in settimana e comunque di essere sul posto alle 7.00 di mattina nel periodo di massima fioritura per godervi lo spettacolo naturale in tranquillità.

Rispettate l’ambiente e ricordatevi che oltre a Madre Natura, la bellezza dei campi la ammirate grazie al lavoro di mesi dei contadini che con le lenticchie e le altre piantagioni ci vivono e per citare proprio loro:

Il terremoto ci ha già portato via le case, voi non distruggeteci il raccolto” -Gli abitanti di Castelluccio di Norcia

Umbria, Castelluccio di Norcia, raccomandazioni degli agricoltori durante la fioritura.
Foto di EnjoyItalyGo Silvia Sperandio.

Rimanete sui sentieri ben evidenti, che vi regalano la possibilità di farvi un selfie in mezzo ai fiori nel pieno rispetto del lavoro della comunità locale. Ai piedi delle montagne ci sono i sentieri per il trekking, percorribili anche dai meno esperti, che dall’alto vi daranno una visuale vasta e bellissima della vallata colorata.

Telefonando in anticipo è possibile fare passeggiate a cavallo e anche con gli asini.

Silvia Sperandio
Silvia Sperandiohttp://www.enjoyitalygo.com
Professionista dell'Hospitality e Tourism Solution Developer, lavora nel turismo da sempre valorizzando il territorio locale. E' stata Food & Beverage Manager alla Hilton Garden Inn, Front Office Manager e Concierge Les Clefs d'Or . Formatore certificato Cepas/ Bureau Veritas al nr 289 del Registro dei Corsi Qualificati. Dal 2017 organizza corsi di formazione professionale per varie realtà fra le quali: A.L.P.A. e U.I.P.A. Les Clefs d'Or; Formazione continua; Formazione finanziata e aziende. EnjoyItalyGo è il suo progetto editoriale, di cui è fondatrice ed editore, attraverso il quale desidera far conoscere l’Italia nel mondo. E' innamorata dell’Italia e insieme ai talentuosi autori di EIG e ai molti professionisti con cui collabora, desidera portare la cultura del Bel Paese nel mondo.

Related Stories

spot_img

Discover

Scoprire l’Alta Valle Brembana con “Le Erbe del Casaro”

Un'Esperienza Enogastronomica Unica Se sei alla ricerca di un'esperienza autentica che unisca natura, cultura e...

Yukimura Dojo Parabiago sugli imminenti Tatami Internazionali

Due atleti straordinari nel mondo dello sport dello Yukimura Dojo di Parabiago sfideranno i loro avversari sul palcoscenico internazionale delle gare di arti marziali. Luca Laveglia e Stefano Parmigiani, entrambi cinture nere di Nippon Kempo, porteranno l'onore dell'Italia rispettivamente in Messico e in Giappone nel corso del 2024.

Il vino come fulcro del turismo: Una prospettiva italiana

Nel pittoresco borgo di Dozza, gioiello incastonato nelle colline dell'Emilia-Romagna, si terrà un evento senza precedenti destinato a illuminare il ruolo del vino nel panorama turistico italiano. Il convegno "Il ruolo del vino come driver turistico", organizzato con cura da Enoteca Regionale Emilia-Romagna, Fondazione Dozza Città d’Arte e il Comune di Dozza, si terrà venerdì 10 maggio alle ore 17:00, nella maestosa cornice della restaurata Sala Grande della Rocca di Dozza (BO).

Viaggia in Friuli con i treni storici

Un viaggio a bordo dei treni storici nel cuore del Friuli, ecco come puoi prenotare i tuoi biglietti e altre informazioni utili.

Scopri il Friuli Venezia Giulia con il Trenino Storico

In Friuli fino al 15 dicembre, sono previsti ben 24 appuntamenti che ti condurranno alla scoperta della regione con i treni storici

In Friuli con i Treni Storici a Luglio, Agosto,...

Visita il Friuli con i treni storici con un calendario ricco di appuntamenti ed itinerari fra storia e natura per tutta l'estate 2024

Popular Categories

Comments