Il Ruzzolone sport antico

Il ruzzolone è un gioco antico che fa parte della famiglia delle ruzzole e in Umbria, così come in alcune altre regioni del centro Italia, viene ancora praticato.

Lo scopo di questo gioco, diventato sport, è quello di far ruzzolare giù dalla collina un disco in modo che giunga il più lontano possibile dalla linea di partenza. Una sorta di yo-yo più grande e su strada.

Non c’è da stupirsi che l’Umbria ne sia una patria insieme a Sicilia, Lazio e Piemonte dati gli estesi territori collinari che ben si prestano alla pratica del Ruzzolone. All’inizio in Umbria il ruzzolone si giocava con una forma ben stagionata di pecorino, formaggio tipico locale dalla forma della caciotta tondeggiante e dura, che era anche il premio per il vincitore. Oggi si usa un disco di legno. Il gioco del ruzzolone nella sola regione annovera quasi tremila appassionati che si sfidano durante la primavera e l’estate tra colline in fiore e sentieri tra i campi coltivati che in questa stagione sono davvero una meraviglia.

Paesaggio collinare in Umbria nei mesi tardo primaverili ed estivi

Nel Lazio avvenne il ritrovamento di un importante reperto che si avvicina alla pratica del gioco del Ruzzolone e che fa pensare che questo sport fosse praticato già dagli antichi Etruschi.

Sulle pareti della “Tomba dell’Olimpiade” presso la città etrusca di Tarquinia, è raffigurato il cosiddetto “discobolo”, messo però nella tipica posizione di chi sta per lanciare una ruzzola.

Il Gioco della Ruzzola era praticato dai Romani e già nel primo Medioevo si ha notizia che giocare “ad ruellas” fosse una pratica diffusa.
Soprattutto nella modalità del lancio della forma di formaggio, si riscontrava in passato l’uso di fare scommesse e azzardi, che andavano ben al di là della forma di formaggio posta in palio. Si cita spesso l’episodio di un certo signor Baraccani che, sbagliando un lancio, in un solo giorno perse la maggior parte dei possedimenti della famiglia, tra cui il Castello di Monterasello, nella vallata di Pavullo (Modena).

Il gioco, già nel ‘600, aveva difficoltà a essere praticato per la sua pericolosità, e per questo ne fu fatto divieto tramite bandi ed editti in varie località del centro Italia. Più recentemente il problema maggiore era dato dal giocare su strade carrabili, visto che gli oggetti scagliati rotolavano a velocità elevate rischiano di provocare incidenti automobilistici. Per questo, ultimamente, si è cercato di portare il gioco su strade sterrate o chiuse al traffico, in modo da poter tener viva la tradizione.

In questo modo vengono conservate in buone condizioni anche le strade altrimenti abbandonate e riprese letteralmente da Madre Natura dando la possibilità ai locali e ai turisti di godere di alcuni spettacoli sportivi antichi unici.

L’edizione 2023 del  Festival Internazionale dei Giochi in Strada, organizzato da Associazione Giochi Antichi in collaborazione con il Comune di Verona Area Cultura e Turismo e il sostegno della Regione del Veneto, vedrà la partecipazione della squadra di Ruzzolone dell’Umbria. Il festival si terrà dal 14 al 17 settembre 2017 a Verona Tocatì. Giunto alla XV edizione il Festival permette, come ogni anno, di scoprire le tradizioni culturali riconosciute dall’UNESCO come parte del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità (Convenzione del 2003). Inoltre con questa edizione il Festival comincia un impegnativo percorso di candidatura per essere riconosciuto come “Buona Pratica” per la salvaguardia del patrimonio immateriale.

Silvia Sperandio
Silvia Sperandiohttp://www.enjoyitalygo.com
Professionista dell'Hospitality e Tourism Solution Developer, lavora nel turismo da sempre valorizzando il territorio locale. E' stata Food & Beverage Manager alla Hilton Garden Inn, Front Office Manager e Concierge Les Clefs d'Or . Formatore certificato Cepas/ Bureau Veritas al nr 289 del Registro dei Corsi Qualificati. Dal 2017 organizza corsi di formazione professionale per varie realtà fra le quali: A.L.P.A. e U.I.P.A. Les Clefs d'Or; Formazione continua; Formazione finanziata e aziende. EnjoyItalyGo è il suo progetto editoriale, di cui è fondatrice ed editore, attraverso il quale desidera far conoscere l’Italia nel mondo. E' innamorata dell’Italia e insieme ai talentuosi autori di EIG e ai molti professionisti con cui collabora, desidera portare la cultura del Bel Paese nel mondo.

Related Stories

spot_img

Discover

Scoprire l’Alta Valle Brembana con “Le Erbe del Casaro”

Un'Esperienza Enogastronomica Unica Se sei alla ricerca di un'esperienza autentica che unisca natura, cultura e...

Yukimura Dojo Parabiago sugli imminenti Tatami Internazionali

Due atleti straordinari nel mondo dello sport dello Yukimura Dojo di Parabiago sfideranno i loro avversari sul palcoscenico internazionale delle gare di arti marziali. Luca Laveglia e Stefano Parmigiani, entrambi cinture nere di Nippon Kempo, porteranno l'onore dell'Italia rispettivamente in Messico e in Giappone nel corso del 2024.

Il vino come fulcro del turismo: Una prospettiva italiana

Nel pittoresco borgo di Dozza, gioiello incastonato nelle colline dell'Emilia-Romagna, si terrà un evento senza precedenti destinato a illuminare il ruolo del vino nel panorama turistico italiano. Il convegno "Il ruolo del vino come driver turistico", organizzato con cura da Enoteca Regionale Emilia-Romagna, Fondazione Dozza Città d’Arte e il Comune di Dozza, si terrà venerdì 10 maggio alle ore 17:00, nella maestosa cornice della restaurata Sala Grande della Rocca di Dozza (BO).

Viaggia in Friuli con i treni storici

Un viaggio a bordo dei treni storici nel cuore del Friuli, ecco come puoi prenotare i tuoi biglietti e altre informazioni utili.

Scopri il Friuli Venezia Giulia con il Trenino Storico

In Friuli fino al 15 dicembre, sono previsti ben 24 appuntamenti che ti condurranno alla scoperta della regione con i treni storici

In Friuli con i Treni Storici a Luglio, Agosto,...

Visita il Friuli con i treni storici con un calendario ricco di appuntamenti ed itinerari fra storia e natura per tutta l'estate 2024

Popular Categories

Comments