Le streghe del Veneto sono in montagna

Racconti per bambini alla scoperta dei luoghi magici dell’ampezzano

Di Silvia Sperandio e Monica Dandrea

Che piacere trovarti ancora! In questo periodo dove purtroppo stiamo vivendo un secondo parziale lock down e non ci è dato spostarci per via dell’impennata dei contagi da coronavirus, Covid-19, ho pensato di raccontarti le storie di magia di streghe buone e cattive che nelle Dolomiti venete popolano le foreste ampezzane. Proponi queste leggende anche ai bambini, puoi far nascere delle attività da fare con loro in casa e quando torneremo a girare in libertà e in sicurezza, puoi organizzare una bella gita e vedere il loro stupore negli occhi.

Mi sono appassionata alle leggende legate ai Salvani, gli abitanti fantastici che hanno popolato Cortina d’Ampezzo tanto tempo fa, di cui oggi ritroviamo il nome in alcuni toponimi locali, e mi diverto a raccontarle a mio figlio che ha 4 anni, cercando di ricreare con lui l’ambientazione con i suoi giocattoli e tutto quello che abbiamo a disposizione. Prova anche tu, è divertente sia per i grandi che per i bambini.

I draghi caratterizzano molte culture in tutto il mondo contaminandone l’arte, la storia e le narrazioni. Questa foto l’ho scattata durante uno dei racconti che abbiamo interpretato con mio figlio, usando un libro pop-up -Il Castello dei Cavalieri di Giunti Kids- e i sui giocattoli a forma di drago! Nella cesta dei giochi c’è di tutto un po’ e la fantasia ha dato vita al racconto e ai personaggi. Prova anche tu, è divertente.

In questa avventura ancora una volta, la mia compagna di viaggio è la guida naturalistica Monica Dandrea, che essendo una Dottoressa in Scienze Forestali e ampezzana doc, mi offre preziosi spunti ed eccellenti informazioni.

Lo sapevi che passeggiando fra i boschi di Cortina potresti incontrare un malefico stregone, le streghe e pure un drago? Sembra che ci sia stata un’intera comunità magica a popolare queste terre! Pronti per calarci in questa avventura?

Il Lago de ra Strìes (il Lago delle Streghe)

Siamo a Cortina d’Ampezzo, è Novembre e al tramonto il nostro sguardo si posa sulle Tofane… che spettacolo! Dalle cime delle montagne fino al cielo, un velo dal viola al rosa sembra avvolgere il panorama… è l’enrosadìra (in ladino) … uno spettacolo di Madre Natura o l’opera delle pozioni magiche delle streghe che vivono lassù?

Le Tofane in una serata di maggio, dopo la pioggia: montagne evanescenti sorgono dalle nebbie. Foto di Monica Dandrea SuiSentierideiSalvàns®

Monica Dandrea mi racconta che – ai piedi delle Tofane, un laghetto dalle acque scure e di colore intenso, ma non torbido, è conosciuto come il Lago de ra Strìes. Il bosco di conifere che circonda il lago, lo tiene nascosto ai più. Evidentemente Madre Natura desidera in questo modo proteggere le streghe?-

Quando Monica porta le famiglie con bambini a fare queste escursioni magiche, sia i bambini che gli adulti rimangono affascinati dalla bellezza mistica del Lago de ra Strìes (il Lago delle Streghe). Gli itinerari sono semplici e accompagnati dal racconto della leggenda, adatti a tutta la famiglia.

Il Lago de ra Strìes: i bambini non sembrano affatto spaventati dalla probabile presenza delle streghe… sarà anche questa una magia dolomitica? Foto Monica Dandrea SuiSentierideiSalvàns®

Le streghe che potremmo incontrare qui sono molte. Per cominciare – prosegue Monica – ricordiamo sicuramente la Strega del Monte Crepedèl, che abbiamo incontrato nella leggenda La Pittrice del Monte Falòria, insieme alla strega Švalàza e al lago di Costalareš…. il lago che non c’è. Giovanni Cenacchi, indimenticabile autore di «Escursionista per caso a Cortina d’Ampezzo – Primi passi, brevi passeggiate, escursioni insolite, racconti e leggende nelle Dolomiti ampezzane», nell’immaginarsi il villaggio di Milièra e nel descrivere l’ambientazione di questa leggenda, definisce la zona di Mondeserto il centralino delle streghe! Le streghe venivano chiamate, tramite un segnale conosciuto, da chi intendeva avvalersi di loro.

Le Tofane al tramonto nel mese di novembre, nel momento magico dell’enrosadìra. Foto di Monica Dandrea SuiSentierideiSalvàns®

la Strega del Monte Crepedèl e la Strega Švalàza sono due vere cattivone, di quelle che anzichè aiutarti, ti fan passare tanti guai. Meglio non incontrarle e se capiti nella loro foresta… tira dritto!

– In verità non troviamo solo streghe nelle leggende dolomitiche, ma anche stregoni! – prosegue Monica Dandrea nel raccontarmi i magici abitanti di Cortina – La leggenda Il Lago dell’arcobaleno (El lèc del ergobando), ad esempio, ci propone in una sola volta la presenza sia di uno stregone, che tenta senza successo di catturare la bella ondina, sia di una strega, la Strìa del Masarè, che gli consiglia il travestimento adatto a raggiungere lo scopo. Il tutto nel meraviglioso scenario del lago di Carezza.

Là tra le rocce c’è la porta del Dio Silvano

M.: Al Passo Falzarego, il monte Sass de Strìa è un chiaro riferimento a questo genere di creature leggendarie. La leggenda ci porta fino al Bosco del Cansiglio per poi ritornare, al termine dei vagabondaggi del protagonista, alle Dolomiti. Il titolo è Gli stregoni del Bosco Delàmis; anche qui, dunque, i personaggi in evidenza sono gli stregoni insieme alla strega del Sass de Strìa.

Per concludere con vicende leggendarie davvero avvincenti, andiamo alla saga del Regno dei Fanes, che conosceremo meglio nella nostra prossima storia. Una figura assolutamente imprescindibile è quella di Spina de Mul, lo stregone con le sembianze di mulo mezzo putrefatto che Ey de Net incontra nella zona di Lìmedes, oltre Falzarego, nonché di sua sorella, la strega Tsicuta.

Sicura che queste vicende ti stiano davvero appassionando, non mi resta che invitarti a visitare il Lago de ra Strìes!

Silvia Sperandio, EnjoyItalyGo in uno scatto di Carlotta Domenici De Luca nel progetto #iorestoincam

Silvia Sperandio

Lavoro nel mondo del turismo da sempre in hotel, in ristoranti e compagnie aeree dove ho avuto anche Niki Lauda come capo. Dal 2017 mi occupo della formazione professionale in A.L.P.A. (Associazione Lombarda Portieri d’Albergo) e dal 2019 in U.I.P.A. (Unione Italiana Portieri d’Albergo) Les Clefs d’Or. Mi occupo di consulenza nel campo del turismo e food and beverage. EnjoyItalyGo è il mio nuovo progetto, di cui sono fondatrice, attraverso il quale desidero far conoscere il genius loci del nostro Bel Paese in Italia e nel mondo. Sono innamorata dell’Italia e insieme ai talentuosi redattori di EIG e ai molti professionisti con cui collaboro, ve la farò scoprire! Linkedin

Nella foto: Monica Dandrea 1° guida naturalistica di Cortina D’Ampezzo ideatrice delle scoperta delle Dolomiti bellunesi attraverso le leggende Sui Sentieri dei Salvàns®. Collabora con Silvia Sperandio alla stesura di 8 articoli pubblicati sul magazine on-line EnjoyItalyGo.com, dove scopri il territorio in un avvincente trekking tra boschi e pascoli durante il quale incontri personaggi fantastici delle fairy dolomitiche.
Questa è la storia di un malvagio stregone, di un terribile drago e del malefico specchio verde che tinse le acque del Lago Federa
Le Tofane al tramonto nel mese di novembre, nel momento magico dell’enrosadìra regalano incantevoli scenari evocativi delle leggende con streghe e stregoni che caratterizzano le dolomiti ampezzane.
Attraverso l’iniziativa “We care about you”, Dolomiti Superski ha messo a punto un sistema di garanzie che assicura la massima trasparenza e sicurezza per chi ha acquistato skipass stagionali o plurigiornalieri per la stagione invernale 2020-2021
Redazione EnjoyItalyGohttp://www.enjoyitalygo.com
Viaggiamo in Italia alla scoperta di luoghi meravigliosi da proporti per farti vivere un'esperienza unica ed indimenticabile. Noi della redazione di EnjoyItalyGo siamo prima di tutto un gruppo di amici che condivide la passione per il turismo e lo vede da prospettive differenti. Ciascuno di noi vive il turismo quotidianamente lavorandoci dentro! Silvia, Ugo e Jack operano nell'Hospitality a stretto contatto sia con i manger dell'ospitalità che con gli Ospiti dell'albergo; Ambra è un Hotel Manager; Elena è un vulcano di idee in costante eruzione e ha un punto di vista mooolto curioso ed autentico, mentre Olga è arrivata in Italia da turista e qui è rimasta avendo trovato l'amore. Andrea è appassionato di storia e di sport Abbiamo unito idee e talenti per metterli a vostra disposizione. Parlarti dell'Italia per noi è passione, emozione, è farti fare un'esperienza. Il Bel Paese è ricco di tutto questo, nella sua storia, all'interno di una ricetta o di un bicchiere di vino, dentro un museo. Passeggiando tra le vie di borghi e città oppure fra sentieri immersi nella natura, scoprirai con noi angoli insoliti ed affascinanti. resta solo da preparare la valigia e partire! Buona lettura La Redazione di EnjoyItalygo

Related Stories

Discover

Arriva la seconda edizione di Venice Cocktail Week

Dopo il successo della prima edizione in dicembre 2021, Venice Cocktail Week torna a...

In Molise a Castel del Giudice c’è la Festa...

Laboratori del gusto, raccolta delle mele, visite guidate, escursioni nella natura d’autunno, street band...

Vini per l’estate. 5 idee anti caldo

Cosa bere a 40 gradi? La prima cosa a cui pensiamo è l’acqua o...

Dove si trova il ponte tibetano più lungo al...

505 metri di adrenalina pura, tanto è lungo il ponte tibetano più lungo al mondo che si trova a Dossena (BG) in Italia.

Un tuffo nell’entroterra della Liguria

Se l'estate è troppo affollata in spiaggia, vai a tuffarti nei laghetti della Liguria, immersi nel verde tra il fresco delle fronde.

Un’oasi verde a Milano

Cascina Cuccagna, oasi verde a Milano, spazio ideale per il relax e tante attività per grandi e bambini.

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here