Le streghe del Veneto sono in montagna

Racconti per bambini alla scoperta dei luoghi magici dell’ampezzano

Oggi ho pensato di raccontarti le storie di magia di streghe buone e cattive che nelle Dolomiti venete popolano le foreste ampezzane. Proponi queste leggende anche ai bambini, puoi far nascere delle attività da fare con loro in casa, puoi organizzare una bella gita e vedere il loro stupore negli occhi.

Mi sono appassionata alle leggende legate ai Salvani, gli abitanti fantastici che hanno popolato Cortina d’Ampezzo tanto tempo fa, di cui oggi ritroviamo il nome in alcuni toponimi locali, e mi diverto a raccontarle a mio figlio che ha 4 anni, cercando di ricreare con lui l’ambientazione con i suoi giocattoli e tutto quello che abbiamo a disposizione. Prova anche tu, è divertente sia per i grandi che per i bambini.

I draghi caratterizzano molte culture in tutto il mondo contaminandone l’arte, la storia e le narrazioni. Questa foto l’ho scattata durante uno dei racconti che abbiamo interpretato con mio figlio, usando un libro pop-up -Il Castello dei Cavalieri di Giunti Kids- e i sui giocattoli a forma di drago! Nella cesta dei giochi c’è di tutto un po’ e la fantasia ha dato vita al racconto e ai personaggi. Prova anche tu, è divertente.

In questa avventura ancora una volta, la mia compagna di viaggio è la guida naturalistica Monica Dandrea, che essendo una Dottoressa in Scienze Forestali e ampezzana doc, mi offre preziosi spunti ed eccellenti informazioni.

Lo sapevi che passeggiando fra i boschi di Cortina potresti incontrare un malefico stregone, le streghe e pure un drago? Sembra che ci sia stata un’intera comunità magica a popolare queste terre! Pronti per calarci in questa avventura?

Il Lago de ra Strìes (il Lago delle Streghe)

Siamo a Cortina d’Ampezzo, è Novembre e al tramonto il nostro sguardo si posa sulle Tofane… che spettacolo! Dalle cime delle montagne fino al cielo, un velo dal viola al rosa sembra avvolgere il panorama… è l’enrosadìra (in ladino) … uno spettacolo di Madre Natura o l’opera delle pozioni magiche delle streghe che vivono lassù?

Le Tofane in una serata di maggio, dopo la pioggia: montagne evanescenti sorgono dalle nebbie. Foto di Monica Dandrea SuiSentierideiSalvàns®

Monica Dandrea mi racconta che – ai piedi delle Tofane, un laghetto dalle acque scure e di colore intenso, ma non torbido, è conosciuto come il Lago de ra Strìes. Il bosco di conifere che circonda il lago, lo tiene nascosto ai più. Evidentemente Madre Natura desidera in questo modo proteggere le streghe?-

Quando Monica porta le famiglie con bambini a fare queste escursioni magiche, sia i bambini che gli adulti rimangono affascinati dalla bellezza mistica del Lago de ra Strìes (il Lago delle Streghe). Gli itinerari sono semplici e accompagnati dal racconto della leggenda, adatti a tutta la famiglia.

Il Lago de ra Strìes: i bambini non sembrano affatto spaventati dalla probabile presenza delle streghe… sarà anche questa una magia dolomitica? Foto Monica Dandrea SuiSentierideiSalvàns®

Le streghe che potremmo incontrare qui sono molte. Per cominciare – prosegue Monica – ricordiamo sicuramente la Strega del Monte Crepedèl, che abbiamo incontrato nella leggenda La Pittrice del Monte Falòria, insieme alla strega Švalàza e al lago di Costalareš…. il lago che non c’è. Giovanni Cenacchi, indimenticabile autore di «Escursionista per caso a Cortina d’Ampezzo – Primi passi, brevi passeggiate, escursioni insolite, racconti e leggende nelle Dolomiti ampezzane», nell’immaginarsi il villaggio di Milièra e nel descrivere l’ambientazione di questa leggenda, definisce la zona di Mondeserto il centralino delle streghe! Le streghe venivano chiamate, tramite un segnale conosciuto, da chi intendeva avvalersi di loro.

Le Tofane al tramonto nel mese di novembre, nel momento magico dell’enrosadìra. Foto di Monica Dandrea SuiSentierideiSalvàns®

la Strega del Monte Crepedèl e la Strega Švalàza sono due vere cattivone, di quelle che anzichè aiutarti, ti fan passare tanti guai. Meglio non incontrarle e se capiti nella loro foresta… tira dritto!

– In verità non troviamo solo streghe nelle leggende dolomitiche, ma anche stregoni! – prosegue Monica Dandrea nel raccontarmi i magici abitanti di Cortina – La leggenda Il Lago dell’arcobaleno (El lèc del ergobando), ad esempio, ci propone in una sola volta la presenza sia di uno stregone, che tenta senza successo di catturare la bella ondina, sia di una strega, la Strìa del Masarè, che gli consiglia il travestimento adatto a raggiungere lo scopo. Il tutto nel meraviglioso scenario del lago di Carezza.

Là tra le rocce c’è la porta del Dio Silvano

M.: Al Passo Falzarego, il monte Sass de Strìa è un chiaro riferimento a questo genere di creature leggendarie. La leggenda ci porta fino al Bosco del Cansiglio per poi ritornare, al termine dei vagabondaggi del protagonista, alle Dolomiti. Il titolo è Gli stregoni del Bosco Delàmis; anche qui, dunque, i personaggi in evidenza sono gli stregoni insieme alla strega del Sass de Strìa.

Per concludere con vicende leggendarie davvero avvincenti, andiamo alla saga del Regno dei Fanes, che conosceremo meglio nella nostra prossima storia. Una figura assolutamente imprescindibile è quella di Spina de Mul, lo stregone con le sembianze di mulo mezzo putrefatto che Ey de Net incontra nella zona di Lìmedes, oltre Falzarego, nonché di sua sorella, la strega Tsicuta.

Nella foto: Monica Dandrea 1° guida naturalistica di Cortina D’Ampezzo ideatrice delle scoperta delle Dolomiti bellunesi attraverso le leggende Sui Sentieri dei Salvàns®. Collabora con Silvia Sperandio alla stesura di 8 articoli pubblicati sul magazine on-line EnjoyItalyGo.com, dove scopri il territorio in un avvincente trekking tra boschi e pascoli durante il quale incontri personaggi fantastici delle fairy dolomitiche.
Silvia Sperandio
Silvia Sperandiohttp://www.enjoyitalygo.com
Professionista dell'Hospitality e Tourism Solution Developer, lavora nel turismo da sempre valorizzando il territorio locale. E' stata Food & Beverage Manager alla Hilton Garden Inn, Front Office Manager e Concierge Les Clefs d'Or . Formatore certificato Cepas/ Bureau Veritas al nr 289 del Registro dei Corsi Qualificati. Dal 2017 organizza corsi di formazione professionale per varie realtà fra le quali: A.L.P.A. e U.I.P.A. Les Clefs d'Or; Formazione continua; Formazione finanziata e aziende. EnjoyItalyGo è il suo progetto editoriale, di cui è fondatrice ed editore, attraverso il quale desidera far conoscere l’Italia nel mondo. E' innamorata dell’Italia e insieme ai talentuosi autori di EIG e ai molti professionisti con cui collabora, desidera portare la cultura del Bel Paese nel mondo.

Related Stories

spot_img

Discover

TRE MESI DI TOUR, ESPERIENZE E LABORATORI NELLE TERRE...

Tre mesi di tour guidati, esperienze autentiche e laboratori aperti a tutte le età per scoprire gli undici comuni, autentici borghi ricchi di arte, in Lombardia e più precisamente nell’Altobrembo in provincia di Bergamo. Inoltre una ghiotta occasione per assaggiare la cucina tipica locale.

 Un Borgo di… Vino in Lombardia

Scopri tutto ciò che la Lombardia ha da offrire e lasciati incantare dalla magia di "Un Borgo di... Vino". Un'occasione imperdibile per immergersi nei sapori e nelle tradizioni di una delle regioni più affascinanti d'Italia.

Notte Celeste: Grande Affluenza nelle Terme dell’Emilia Romagna

Boom di presenze alla Notte Celeste organizzata dalle terme dell'Emilia-Romagna che hanno offerto un weekend di concerti, cene, feste, passeggiate e terme aperte fino a tarda sera.

Tramonto DiVino a Modigliana

Tramonto DiVino, l’evento che celebra i vini e i prodotti tipici dell’Emilia Romagna con un tour che dura tutta l'estate 2024. La tappa di Modigliana è solo l’inizio di un tour che, da 19 anni, unisce i vini regionali ai cibi a qualità certificata (Dop e Igp). Dopo Modigliana, Tramonto DiVino farà tappa a Milano Marittima con il Craft Gin Summer Fest – Novebolle Lounge il 19 luglio, a Riccione il 26 luglio, e a Cesenatico il 2 agosto. Il tour continuerà poi in Emilia, con tappe a Scandiano il 6 settembre, Ferrara l'11 settembre e Piacenza il 14 settembre.

Horti Aperti: Il Festival del Verde a Pavia

Preparati per la terza edizione di Horti Aperti! Il festival del verde torna a Pavia il 21 e 22 settembre 2024. Due giorni imperdibili dedicati alla biodiversità, sostenibilità e alla bellezza dei giardini. Conferenze, workshop e una mostra mercato con i migliori vivaisti italiani

Orti Botanici della Lombardia: Un Rifugio di Biodiversità nel...

Scopri gli eventi di giugno negli Orti Botanici della Lombardia e l'importanza della biodiversità urbana. Partecipando alla Festa del Solstizio d’Estate, potrai esplorare la natura in città e imparare di più sulla conservazione delle piante.

Popular Categories

Comments