Leggende di Napoli: la Strega di Port’Alba

L’origine di Port’Alba

Al centro di Napoli, più precisamente in Piazza Dante, si trova Port’Alba, una delle porte di accesso al centro storico della città.

Un tempo nota come Largo Mercatello, perché luogo di mercato, Piazza Dante non era direttamente collegata ai vicoli del centro.

Per raggiungerli, i residenti dovevano accedere da Porta di Costantinopoli, il varco più vicino nelle mura angioine.

Stanchi di dover percorrere un lungo tragitto, gli abitanti della zona praticarono un buco nelle mura (o’ pertuso).

Le autorità lo richiusero, ma il buco fu riaperto. E così fu ogni volta, finché il viceré di Napoli, Don Antonio de Toledo, Duca di Port’Alba, decise di acconsentire all’apertura di una porta per facilitare il passaggio.

Un grosso varco fu aperto nelle mura nel 1624 e nel 1625 fu realizzata la porta stessa, che prese il nome del viceré. Port’Alba, appunto.

È in queste strade che si svolge la storia della Strega di Port’Alba.

maria la rossa strega di port'alba

La leggenda della Strega di Port’Alba

Maria La Rossa e il suo sposo Michele

Maria era una giovane e bella ragazza, con lunghi capelli folti, ricci e rossi. Di sicuro non passava inosservata e la gente del luogo l’aveva soprannominata Maria a’ rossa, Maria La Rossa.

Viveva in una delle strade del centro, non lontana dalla porta, nella zona nota anche come Largo delle Sciuscelle, per la presenza di moltissimi alberi di carrube. Le sciuscelle erano i frutti degli alberi di carrube, naturalmente molto dolci, in genere utilizzate come cibo per asini e cavalli. 

Maria era follemente innamorata del suo fidanzato, Michele, un conciatore di pelli che viveva non lontano da lei, ma dall’altro lato della porta, e che l’aveva chiesta in sposa. Maria aveva accettato con gioia e i due si erano sposati. 

Il sortilegio di Michele

Una sera, alcuni affermano che fosse il giorno stesso delle nozze, mentre passeggiavano per rientrare a casa, passando sotto Port’Alba, all’altezza della fontanina che una volta dava ristoro ai passanti, Michele e Maria sentirono dei tuoni.

Ad un certo punto sentirono un tuono molto più forte dei precedenti, allo stesso tempo Michele si sentì bloccare e non fu più in grado di proseguire.

Maria cercò di aiutarlo in tutti i modi, tirandolo e spingendolo. Alcuni affermano che avesse provato per giorni a farlo muovere, senza riuscire a fargli compiere neanche un passo in avanti. Pare fossero intervenuti anche dei passanti ad aiutarli. Ma non ci fu nulla da fare, Michele sembrava pietrificato, come ancorato al suolo. Alla fine rinunciò a proseguire e se ne tornò indietro.

la strega di port'alba

La disperazione di Maria

Maria, avendo capito che non c’era più speranza di farlo proseguire, se ne tornò a casa e lì rimase a disperarsi per lunghi giorni.

Alla fine, smise di piangere, ma il suo cuore ormai non era più lo stesso. Della bella fanciulla dai lunghi capelli rossi non restò più nulla. Pian piano la bellezza e la giovinezza lasciarono spazio a bruttezza e vecchiaia. I capelli si imbiancarono, la pelle si raggrinzì, il corpo si asciugò e Maria divenne triste, cupa, scostante. Si dedicò alle arti magiche e iniziò a vendere elisir per sopravvivere.

A quel punto la gente non la chiamava più Maria La Rossa, ma la Strega di Port’Alba.

La condanna della Strega di Port’Alba

In quegli anni la psicosi e la paura delle streghe, gli interrogatori e i tribunali, la caccia e la tortura, erano giunti ormai al culmine.

Il nuovo, inquietante aspetto di Maria, ormai nota con l’appellativo di Strega di Port’Alba, a quel punto, non passò inosservato agli addetti all’inquisizione.

Maria fu imprigionata e condannata. Fu rinchiusa in una gabbia e appesa proprio sotto Port’Alba.

Fu lasciata per giorni senza cibo e acqua a morire lentamente di stenti. Tutti quelli che passavano nella zona non potevano non vedere la Strega di Port’Alba rinchiusa nella sua gabbia.

Alla fine morì, ma non prima di aver lanciato una maledizione ai suoi aguzzini: “La pagherete tutti!”

Il corpo ormai senza vita della Strega di Port’Alba fu lasciato lì a penzolare, forse come monito, per molti giorni.

Pian piano i passanti notarono una stranezza: il corpo della Strega di Port’Alba, invece di decomporsi, cominciò a pietrificarsi.

Gli inquisitori, spaventati dalla situazione, temendo una maledizione, lo fecero rimuovere.

piazza dante port'alba

L’eredità della Strega di Port’Alba

Nel tempo la vita riprese a scorrere di nuovo tranquilla nella zona e nessuno si ricordò più di Maria La Rossa, la Strega di Port’Alba, e della sua triste storia.

Le strade si riempirono di nuovo di vita, di passanti alla ricerca di libri a basso costo nelle librerie della zona. 

Ancora adesso nelle strade intorno Port’Alba è possibile acquistare libri e mangiare la famosa pizza a portafoglio, tradizione antica della cucina napoletana.

Ma c’è chi giura che lo spirito di Maria La Rossa ancora si aggiri di notte e che urli la sua disperazione. 

C’è chi giura di aver sentito la Strega di Port’Alba lanciare ancora la sua maledizione: “La pagherete tutti!”

Angelica Perrotta
Angelica Perrottahttp://www.enjoyitalygo.com
Angelica Perrotta: Molto curiosa, amante degli animali ed appassionata di viaggi. Cerco di coniugare pregresse esperienze con recenti passioni: Laurea in Lingue e Letterature Straniere, lunga esperienza nel settore alberghiero ed una recente passione per il Digital Marketing. Il mio motto è “Always on the move”.

Related Stories

spot_img

Discover

Scoprire l’Alta Valle Brembana con “Le Erbe del Casaro”

Un'Esperienza Enogastronomica Unica Se sei alla ricerca di un'esperienza autentica che unisca natura, cultura e...

Yukimura Dojo Parabiago sugli imminenti Tatami Internazionali

Due atleti straordinari nel mondo dello sport dello Yukimura Dojo di Parabiago sfideranno i loro avversari sul palcoscenico internazionale delle gare di arti marziali. Luca Laveglia e Stefano Parmigiani, entrambi cinture nere di Nippon Kempo, porteranno l'onore dell'Italia rispettivamente in Messico e in Giappone nel corso del 2024.

Il vino come fulcro del turismo: Una prospettiva italiana

Nel pittoresco borgo di Dozza, gioiello incastonato nelle colline dell'Emilia-Romagna, si terrà un evento senza precedenti destinato a illuminare il ruolo del vino nel panorama turistico italiano. Il convegno "Il ruolo del vino come driver turistico", organizzato con cura da Enoteca Regionale Emilia-Romagna, Fondazione Dozza Città d’Arte e il Comune di Dozza, si terrà venerdì 10 maggio alle ore 17:00, nella maestosa cornice della restaurata Sala Grande della Rocca di Dozza (BO).

Viaggia in Friuli con i treni storici

Un viaggio a bordo dei treni storici nel cuore del Friuli, ecco come puoi prenotare i tuoi biglietti e altre informazioni utili.

Scopri il Friuli Venezia Giulia con il Trenino Storico

In Friuli fino al 15 dicembre, sono previsti ben 24 appuntamenti che ti condurranno alla scoperta della regione con i treni storici

In Friuli con i Treni Storici a Luglio, Agosto,...

Visita il Friuli con i treni storici con un calendario ricco di appuntamenti ed itinerari fra storia e natura per tutta l'estate 2024

Popular Categories

Comments