La pizza napoletana

Non si può visitare Napoli senza mangiare uno dei piatti più famosi della tradizione culinaria partenopea: la pizza.

La città ne offre di tutti i tipi e per tutti i gusti. Molto apprezzata è la versione “a portafoglio”, nota soprattutto tra gli studenti e i napoletani in pausa pranzo, per il costo piuttosto contenuto e la possibilità di consumarla rapidamente anche in strada mentre si passeggia o ci si sposta da un luogo ad un altro. Si tratta di una pizza tonda, di dimensioni più piccole del normale e che si può piegare e ripiegare su se stessa per poterla mangiare comodamente senza sporcarsi di pomodoro. Una vera delizia per il palato e per lo stomaco.

Ma quali sono le origini di uno dei piatti più conosciuti al mondo?

pizza napoletana

Le origini della pizza napoletana

Le prime testimonianze del temine “pizza”, famoso in buona parte del globo terraqueo e adottato in almeno 60 lingue diverse, si riscontrano nell’area dell’Italia centro-meridionale intorno all’anno Mille.

Etimologicamente il termine ha un’origine molto più antica e potrebbe derivare da “pita”, il tipico pane schiacciato originario di un’area compresa tra Grecia e Medioriente.

Al di là del lungo percorso di evoluzione, la pizza come la conosciamo più o meno oggi potrebbe aver avuto grande diffusione all’interno delle mura partenopee come cibo da strada. Siamo intorno al 1720, quando si vedono comparire i primi dischi fatti di pasta condita con del pomodoro.

Le prime cronache che ne fanno menzione risalgono a circa la metà dell’Ottocento. Una delle cronache più famose è quella di Alexander Dumas, che aveva avuto occasione di provarla durante il suo grand tour che toccò Napoli nel 1835.

Ma i ricettari dell’epoca, probabilmente per la sua destinazione di carattere molto popolare, praticamente non la menzionano tra i piatti tipici della tradizione.

impasto per la pizza napoletana

Il successo della pizza napoletana

È nel 1889 che nasce la pizza napoletana come la intendiamo oggi, per opera del pizzaiolo Raffaele Esposito che decide di onorare Margherita di Savoia, Regina d’Italia, realizzando una pizza con gli stessi colori della bandiera d’Italia. È nel condimento di questa pizza che ritroviamo i colori verde, bianco e rosso: basilico fresco, mozzarella, pomodoro, con aggiunta di sale ed olio extravergine.

Da questo momento il successo della pizza non conosce confini e nel 1905 si apre la prima pizzeria negli Stati Uniti, a New York; ma il vero picco inizia nel secondo dopoguerra.

Il 5 febbraio 2010 l’Unione Europea la riconosce come Specialità Tradizionale Garantita (STG) e nel 2017 l’UNESCO dichiara l’arte del pizzaiolo napoletano Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

Il segreto è nella ricetta

La stretta tradizione individua due varianti di pizza napoletana:

  • Marinara, condita con pomodoro, aglio, origano e olio
  • Margherita, condita con pomodoro (alcuni ritengono debba essere di qualità San Marzano), olio, basilico e mozzarella

Ma nel 1984 Antonio Pace e Lello Surace decidono di riunire i più famosi pizzaioli napoletani dell’epoca per codificare le regole fondamentali per riconoscere la Vera Pizza Napoletana.

Danno vita al Disciplinare Internazionale dell’Associazione Vera Pizza Napoletana, un insieme di regole accuratamente codificate, fino a quel momento tramandate da generazioni di pizzaioli solo oralmente, per realizzare una pizza napoletana secondo l’antica tradizione.

forno per pizza

Regole di base per una pizza napoletana secondo la tradizione

La pasta per la pizza deve essere prodotta con un impasto simile a quello per fare il pane, quindi con farina di grano tenero 00. Deve essere morbido ed elastico, lasciato lievitare a lungo, per almeno 8 ore, per fargli sviluppare molta anidride carbonica. Deve poi essere steso a mano senza toccare i bordi, dandogli la caratteristica forma a disco, che non deve superare i 35 cm di diametro. In cottura il bordo formerà il tipico “cornicione” gonfio e privo di bruciature e la pasta al centro non dovrà essere più alta di circa 3 mm. Il forno, rigorosamente a legna, deve avere una temperatura tra i 430 ed 480 gradi e il tempo di cottura è tra i 60 ed i 90 secondi. Deve infine uscire dal forno umida e soffice, ma non troppo cotta. Queste le regole generali di preparazione.

Ma il Disciplinare non si ferma alle semplici regole di preparazione dell’impasto e della cottura, va oltre e regolamenta e codifica una serie considerevole di aspetti. Tra questi: la manipolazione, i prodotti da utilizzare, l’aroma olfattivo, il gusto e l’armonia e i valori nutrizionali.

Potremmo spendere ore e ore a elencare le regole per la realizzazione di una vera pizza napoletana secondo tradizione, ma non ci sarebbe soddisfazione in un mero elenco di codici.

La vera soddisfazione è mangiarla…a Napoli. Buon appetito!

Angelica Perrotta
Angelica Perrottahttp://www.enjoyitalygo.com
Angelica Perrotta: Molto curiosa, amante degli animali ed appassionata di viaggi. Cerco di coniugare pregresse esperienze con recenti passioni: Laurea in Lingue e Letterature Straniere, lunga esperienza nel settore alberghiero ed una recente passione per il Digital Marketing. Il mio motto è “Always on the move”.

Related Stories

spot_img

Discover

Scoprire l’Alta Valle Brembana con “Le Erbe del Casaro”

Un'Esperienza Enogastronomica Unica Se sei alla ricerca di un'esperienza autentica che unisca natura, cultura e...

Yukimura Dojo Parabiago sugli imminenti Tatami Internazionali

Due atleti straordinari nel mondo dello sport dello Yukimura Dojo di Parabiago sfideranno i loro avversari sul palcoscenico internazionale delle gare di arti marziali. Luca Laveglia e Stefano Parmigiani, entrambi cinture nere di Nippon Kempo, porteranno l'onore dell'Italia rispettivamente in Messico e in Giappone nel corso del 2024.

Il vino come fulcro del turismo: Una prospettiva italiana

Nel pittoresco borgo di Dozza, gioiello incastonato nelle colline dell'Emilia-Romagna, si terrà un evento senza precedenti destinato a illuminare il ruolo del vino nel panorama turistico italiano. Il convegno "Il ruolo del vino come driver turistico", organizzato con cura da Enoteca Regionale Emilia-Romagna, Fondazione Dozza Città d’Arte e il Comune di Dozza, si terrà venerdì 10 maggio alle ore 17:00, nella maestosa cornice della restaurata Sala Grande della Rocca di Dozza (BO).

Viaggia in Friuli con i treni storici

Un viaggio a bordo dei treni storici nel cuore del Friuli, ecco come puoi prenotare i tuoi biglietti e altre informazioni utili.

Scopri il Friuli Venezia Giulia con il Trenino Storico

In Friuli fino al 15 dicembre, sono previsti ben 24 appuntamenti che ti condurranno alla scoperta della regione con i treni storici

In Friuli con i Treni Storici a Luglio, Agosto,...

Visita il Friuli con i treni storici con un calendario ricco di appuntamenti ed itinerari fra storia e natura per tutta l'estate 2024

Popular Categories

Comments