Tonnarelli cacio e pepe

Ricette che affondano le radici in antiche tradizioni nel Lazio

A cura di #IncucinaconVik

Questo piatto ha origini antichissime, i pastori laziali portavano nella sacca cacio, pepe e pasta essiccata…

Tonnarelli cacio e pepe in una presentazione di #IncucinaconVik per EnjoyItalyGo

La storia della cacio e pepe affonda le sue origini, sin dai tempi della transumanza, quando pastori e contadini conducevano i greggi tra i verdi pascoli delle campagne romane; durante questi spostamenti erano soliti rifornirsi di ingredienti poveri, facilmente trasportabili e soprattutto adatti a conservarsi nel lungo periodo come il pepe nero in grani, che stimola direttamente i ricettori del calore e quindi aiutava i pastori a proteggersi dal freddo – e qualche fetta di pecorino (il cacio, appunto) romano. A questo, spesso si aggiungeva anche una manciata di spaghetti essiccati fatti con acqua, sale e farina che apportavano la giusta quantità di carboidrati e calorie. La cacio e pepe divenne quindi il pasto ideale, veloce e sostanzioso che si diffuse con rapidità in tutte le regioni limitrofe (soprattutto Umbria e Abruzzo, dove tutt’oggi è largamente diffuso seppur con numerose interpretazioni).

Ovviamente in seguito le vecchie osterie capirono che poteva diventare un piatto per viandanti e turisti ed ecco che, da quelle antiche botteghe, si arriva ai giorni nostri dove addirittura è considerato un piatto gourmet.

Voglio sottolineare che da questa antica ricetta trae origine la famosa “gricia” che vede l’aggiunta del guanciale, da questa inoltre discendono l’amatriciana prima con la sola aggiunta del pomodoro e la carbonara dopo che prevede le uova .

INGREDIENTI
Gli ingredienti della Pasta cacio e pepe di #IncucinaconVik. Messaggio promozionale

320 g tonnarelli

200 g pecorino romano

20 g pepe nero in grani

PROCEDIMENTO

Per prima cosa mettere i grani di pepe nero nel mortaio e col pestello sminuzzarli grossolanamente.

Il mortaio in marmo tanto usato ancora oggi da molte massaie italiane

Successivamente portare a bollore l’acqua per i tonnarelli, mi raccomando mettete meno acqua del solito, in questo modo gli amidi che rilasceranno la pasta saranno maggiori, e salate meno del solito in quanto il pecorino romano è già abbastanza sapido.
Appena l’acqua bolle versare i tonnarelli.

Dopo circa 3 minuti scaldare la padella, e tostare senza grassi il pepe pestato, quindi versare un mestolo di acqua di cottura della pasta e muovere la padella, il pepe rilascerà tutti i suoi odori e sapori.

Ora possiamo occuparci del pastello di pecorino, versiamo in una ciotola il formaggio, aggiungiamo all’inizio un cucchiaio di acqua di cottura ed aiutandoci con la spatola cerchiamo di amalgamarlo bene eliminando eventuali grumi, aggiungiamo ancora un po’ d’acqua di cottura fino a rendere omogeneo il pastello.

Scoliamo i tonnarelli tre minuti prima del termine di cottura e conserviamo l’acqua che ci servirà per risottare la pasta nella padella dove abbiamo lavorato il pepe nero, quindi spegniamo il fuoco ed abbassiamo la temperatura della pasta facendola saltare un paio di volte e muovendola in continuazione con le pinze da cucina, in questo modo ingloberemo aria, a questo punto aggiungiamo il pastello di pecorino e continuiamo a mescolare fino ad ottenere una consistente cremina.
Impiattare servendosi di un mestolo e delle pinze da cucina formando un nido di tonnarelli che metteremo al centro del piatto, ultimare versando un po di cremina ed una grattuggiata di pepe e di pecorino romano

Mi presento, sono Vittorio in arte Vik e amo cucinare. Mi sono trovato solo in casa qualche anno fa, e dovevo in qualche modo nutrirmi … la mia massima preparazione culinaria? un uovo sodo! Così per necessità ho iniziato a studiare sui libri di cucina, provare, sperimentare e devo dire che mi piaceva e mi appassionava sempre più tanto che ho partecipato all’edizione italiana di Masterchef. Ora ho un blog tutto mio incucinaconvik e ogni sabato pubblico una ricetta legata al territorio su Cucina Italiana di EnjoyItalyGo.

Prodotti alimentari tipici direttamente dai produttori locali del Lazio.
A Roma nasce un’associazione dove il calcio è davvero inclusivo senza barriere di sorta
Redazione EnjoyItalyGo
Redazione EnjoyItalyGohttp://www.enjoyitalygo.com
Viaggiamo in Italia alla scoperta di luoghi meravigliosi da proporti per farti vivere un'esperienza unica ed indimenticabile. Noi della redazione di EnjoyItalyGo siamo prima di tutto un gruppo di amici che condivide la passione per il turismo e lo vede da prospettive differenti. Ciascuno di noi vive il turismo quotidianamente lavorandoci dentro! Silvia, Ugo e Jack operano nell'Hospitality a stretto contatto sia con i manger dell'ospitalità che con gli Ospiti dell'albergo; Ambra è un Hotel Manager; Elena è un vulcano di idee in costante eruzione e ha un punto di vista mooolto curioso ed autentico, mentre Olga è arrivata in Italia da turista e qui è rimasta avendo trovato l'amore. Andrea è appassionato di storia e di sport Abbiamo unito idee e talenti per metterli a vostra disposizione. Parlarti dell'Italia per noi è passione, emozione, è farti fare un'esperienza. Il Bel Paese è ricco di tutto questo, nella sua storia, all'interno di una ricetta o di un bicchiere di vino, dentro un museo. Passeggiando tra le vie di borghi e città oppure fra sentieri immersi nella natura, scoprirai con noi angoli insoliti ed affascinanti. resta solo da preparare la valigia e partire! Buona lettura La Redazione di EnjoyItalygo

Related Stories

spot_img

Discover

TRE MESI DI TOUR, ESPERIENZE E LABORATORI NELLE TERRE...

Tre mesi di tour guidati, esperienze autentiche e laboratori aperti a tutte le età per scoprire gli undici comuni, autentici borghi ricchi di arte, in Lombardia e più precisamente nell’Altobrembo in provincia di Bergamo. Inoltre una ghiotta occasione per assaggiare la cucina tipica locale.

 Un Borgo di… Vino in Lombardia

Scopri tutto ciò che la Lombardia ha da offrire e lasciati incantare dalla magia di "Un Borgo di... Vino". Un'occasione imperdibile per immergersi nei sapori e nelle tradizioni di una delle regioni più affascinanti d'Italia.

Notte Celeste: Grande Affluenza nelle Terme dell’Emilia Romagna

Boom di presenze alla Notte Celeste organizzata dalle terme dell'Emilia-Romagna che hanno offerto un weekend di concerti, cene, feste, passeggiate e terme aperte fino a tarda sera.

Tramonto DiVino a Modigliana

Tramonto DiVino, l’evento che celebra i vini e i prodotti tipici dell’Emilia Romagna con un tour che dura tutta l'estate 2024. La tappa di Modigliana è solo l’inizio di un tour che, da 19 anni, unisce i vini regionali ai cibi a qualità certificata (Dop e Igp). Dopo Modigliana, Tramonto DiVino farà tappa a Milano Marittima con il Craft Gin Summer Fest – Novebolle Lounge il 19 luglio, a Riccione il 26 luglio, e a Cesenatico il 2 agosto. Il tour continuerà poi in Emilia, con tappe a Scandiano il 6 settembre, Ferrara l'11 settembre e Piacenza il 14 settembre.

Horti Aperti: Il Festival del Verde a Pavia

Preparati per la terza edizione di Horti Aperti! Il festival del verde torna a Pavia il 21 e 22 settembre 2024. Due giorni imperdibili dedicati alla biodiversità, sostenibilità e alla bellezza dei giardini. Conferenze, workshop e una mostra mercato con i migliori vivaisti italiani

Orti Botanici della Lombardia: Un Rifugio di Biodiversità nel...

Scopri gli eventi di giugno negli Orti Botanici della Lombardia e l'importanza della biodiversità urbana. Partecipando alla Festa del Solstizio d’Estate, potrai esplorare la natura in città e imparare di più sulla conservazione delle piante.

Popular Categories

Comments