Vino. Il Consorzio Chianti Fiorentino gioca d’anticipo con le anteprime toscane

A pochi giorni dalla firma in Regione Toscana del Protocollo d’Intesa fra i comuni della provincia di Firenze e gli associati con la “benedizione” dell’assessore regionale all’agricoltura Stefania Saccardi il Consorzio dei vini Chianti Colli Fiorentini gioca d’anticipo sugli altri consorzi della Toscana anticipando con un’anteprima delle anteprime il ricco calendario dei primi assaggi delle annate dei vini di Toscana.

Il bel salone rustico in tipico stile toscano che ha ospitato la degustazione di Chianti Colli Fiorentini

Una degustazione in esclusiva per i professionisti

Nel Chianti, ospiti nella splendida dimora di Roberta Chini e di Maurizio Mazzantini produttori di Marzocco di Poppiano i giornalisti specializzati (fra cui il cronista di Enjoy Italy Go) hanno vissuto una giornata davvero speciale come preludio di questo lungo mese di marzo vinicolo.

Un salone ricco di storia e suggestione con le travi in legno e le pietre a vista si è trasformato in una sala professionale d’assaggio.
L’affaccio meraviglioso sulle colline della campagna fiorentina (siamo a non più di 30 km. da Firenze), sullo storico castello di Poppiano e sui vigneti ben allineati distesi di fronte ai nostri occhi della tenuta hanno contribuito non poco a rendere piacevole una degustazione impegnativa.

Il Sindaco di Montespertoli Alessio Mugnaini, la padrona di casa e produttrice di Marzocco di Poppiano signora Roberta Chini e il Presidente del Consorzio Stefano Ferretti

72 campioni di Chianti in degustazione

Davvero intenso il blind tasting, con batterie di sei vini alla volta per un totale di 72 campioni in degustazioni. Per essere ancora più precisi erano 69 i vini in assaggio fra Igt Toscana (banchi, rosati e rossi), Chianti Colli Fiorentini e Chianti Colli Fiorentini Riserva a cui si aggiunge un’inedita bollicina e tre Vin Santo.
A fare da eccellente padrone di casa era l’emozionato Presidente del Consorzio Marco Ferretti e il Sindaco di Montespertoli Alessio Mugnaini entrambi orgogliosi della denominazione ma forse timorosi del giudizio degli esperti.

Il vino di Firenze cresce e guarda al futuro

La degustazione ha confermato quanto di buono era emerso già lo scorso anno nell’analoga occasione ovvero che il vino che si vuole identificare come “vino di Firenze” cresce anche se le nuove annate del consorzio sono ancora troppo giovani per essere giudicate e quelle più mature confermano la voglia di trovare una linea identitaria che però non è ancora compiuta.

Un obiettivo peraltro molto ambizioso e non facile da raggiungere per più motivi. Il Consorzio dei vini Chianti Colli Fiorentini comprende infatti un territorio geograficamente parlando molto ampio che si sviluppa ad anello abbracciando la città di Firenze.
Siamo fra i 150 e i 400 metri di altitudine intorno alla città e comprende i comuni di Montelupo Fiorentino, Fiesole, Lastra, Signa, Scandicci, Impruneta, Bagno a Ripoli, Rignano sull’Arno e Pontassieve.
Un territorio che quindi presenta caratteristiche differenti nei suoli ed esposizione diverse pur mantenendo uniforme la linea altimetrica.

Inevitabile quindi che queste differenze nel bicchiere emergano anche se il buon lavoro fatto dai produttori prima in vigna e poi in cantina sta smussando angoli e regalando vini molto interessanti specie nelle Riserva.
Intendiamoci, sono tutti vini ben fatti e abbastanza identitari nelle aspettative sia del produttore che del consumatore.
Possiamo quindi dire con ragionevole certezza che la strada per una linea identitaria è stata intrapresa e che il Consorzio dei vini Chianti Colli Fiorentini può a ben donde “spendere” il nome di una città celebre nel mondo come Firenze e identificarsi come suo vino.

Un momento della lunga degustazione

Il nostro giudizio


Nell’insieme abbiamo avuto molte conferme e trovato molto interessanti anche i bianchi e i Toscana Igt dove alcune aziende hanno “giocato” superbamente con vigneti autoctoni e alloctoni. Buon futuro per le annate giovani che non possono che migliorare e grande eleganza toscana nelle Riserve.
Non esprimo giudizi personali e dico bravi a tutti anche se alcuni bicchieri mi hanno particolarmente compito. Soprattutto in chi sta affrontando con la giusta attenzione i cambiamenti climatici che dal 2017 in poi hanno regalato stagioni non proprio convenzionali.

Nadia Fondelli
Nadia Fondellihttp://www.enjoyitalygo.com
Nadia Fondelli: Giornalista e viaggiatrice per passione e volontariato in Italia e nel mondo. Fondatrice del primo magazine turistico trilingue italiano ha contribuito al lancio dell’agriturismo e dell’enoturismo toscano. Specializzata in viaggio, turismo, cultura, enogastronomia e sport è autrice di quattro libri e autrice in una raccolta di racconti dedicati a Firenze. Pioniera nel mondo del giornalismo on line ha collaborato con importanti cantanti italiani e per format televisivi su piattaforma Sky. E’ membro dell’Associazione nazionale Donne del Vino di Anag (Assaggiatori Grappa ed Acquaviti) e di Aset (Associazione Stampa Enogastronomica Toscana). Collabora con EnjoyItalyGo da Aprile 2021. Tessera ordine dei giornalisti: n. 111444

Related Stories

spot_img

Discover

Scoprire l’Alta Valle Brembana con “Le Erbe del Casaro”

Un'Esperienza Enogastronomica Unica Se sei alla ricerca di un'esperienza autentica che unisca natura, cultura e...

Yukimura Dojo Parabiago sugli imminenti Tatami Internazionali

Due atleti straordinari nel mondo dello sport dello Yukimura Dojo di Parabiago sfideranno i loro avversari sul palcoscenico internazionale delle gare di arti marziali. Luca Laveglia e Stefano Parmigiani, entrambi cinture nere di Nippon Kempo, porteranno l'onore dell'Italia rispettivamente in Messico e in Giappone nel corso del 2024.

Il vino come fulcro del turismo: Una prospettiva italiana

Nel pittoresco borgo di Dozza, gioiello incastonato nelle colline dell'Emilia-Romagna, si terrà un evento senza precedenti destinato a illuminare il ruolo del vino nel panorama turistico italiano. Il convegno "Il ruolo del vino come driver turistico", organizzato con cura da Enoteca Regionale Emilia-Romagna, Fondazione Dozza Città d’Arte e il Comune di Dozza, si terrà venerdì 10 maggio alle ore 17:00, nella maestosa cornice della restaurata Sala Grande della Rocca di Dozza (BO).

Viaggia in Friuli con i treni storici

Un viaggio a bordo dei treni storici nel cuore del Friuli, ecco come puoi prenotare i tuoi biglietti e altre informazioni utili.

Scopri il Friuli Venezia Giulia con il Trenino Storico

In Friuli fino al 15 dicembre, sono previsti ben 24 appuntamenti che ti condurranno alla scoperta della regione con i treni storici

In Friuli con i Treni Storici a Luglio, Agosto,...

Visita il Friuli con i treni storici con un calendario ricco di appuntamenti ed itinerari fra storia e natura per tutta l'estate 2024

Popular Categories

Comments